Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Luca De Filippo, l’ultimo saluto da Servillo a Salemme – Repubblica.it

napoli.repubblica.it – Luca De Filippo, l’ultimo saluto da Servillo a SalemmeAi piedi del palco, la bara, con una maschera di Pulcinella e due rose rosse, intorno centinaia di amici e ammiratori. Presente Giorgio Napolitano

E’ quasi tutto esaurito il Teatro Argentina di Roma, pieno in platea e fino agli ultimi ordini di palchi, per l’ultimo saluto a Luca De Filippo, il grande erede di papà Eduardo e della grande tradizione del teatro napoletano, scomparso venerdì a soli 67 anni.

Ai piedi del palco, la bara, con una maschera di Pulcinella e due rose rosse, intorno centinaia di amici e ammiratori.

Luca de Filippo -

 

In platea i familiari, la moglie Carolina Rosi e i tre figli, accolgono gli amici, i colleghi e la gente comune che è venuta per dare l’ultimo saluto all’artista.

Su uno schermo scorrono le immagini della carriera e della vita di Luca De Filippo accompagnate dalla musica di Nicola Piovani e Antonio Sinagra. Oltre a due grandi composizioni di rose bianche, sono stati posizionati i Gonfaloni del Comune di Napoli e della Regione Campania

Tra i primi ad arrivare, Vincenzo Salemme, Enzo De Caro, Sergio Assisi, Lina e Massimo Wertmuller, Maurizio Casagrande, Roberto Herlitzka, Marisa Laurito, Carlo Giuffrè, Sergio Rubini, Lina Sastri, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, Aurelio De Laurentiis e il direttore del Teatro Stabile di Napoli, Luca De Fusco.

Ci sono anche tutti gli amici della ‘scuola napoletana’ a salutare per l’ultima volta Luca De Filippo al Teatro Argentina. Uno dopo l’altro, già dalle 14, stanno sfilando il produttore Aurelio De Laurentiis e Toni Servillo, Luciano De Crescenzo e Maurizio Casagrande, Marisa Laurito, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca e il grande erede dei De Filippo, Carlo Giuffrè.

“Non ho parole – dice molto commossa Lina Sastri – forse Luca era stanco, come lo siamo tutti, di un mondo che non ci corrisponde. Non siamo vecchi ma abbiamo visto un mondo migliore”.

“Era un grande ricercatore – lo ricorda Enzo Decaro – aveva l’entusiasmo di uno ‘studente’ del teatro, come quando recitò Molière in napoletano”.

“Eravamo molto amici – dice Vincenzo Salemme – abbiamo girato l’Italia insieme dal ’77 al ’92 in tournèe, quando le tournèe si facevano per otto nove mesi, come il militare. Aveva l’idiosincrasia per il convenzionale, amava l’originalità”.

“Per me è stato di grande ispirazione – ricorda Sergio Assisi – nei mesi in cui abbiamo lavorato insieme ad un film di Lina Wertmuller. Interpretava mio padre e mi ha regalato molti consigli per la vita e la carriera”.

A rendere omaggio a Luca De Filippo anche l’ex presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, arrivato insieme alla moglie Clio. “Era una grande persona ed un grande artista, completamente dedicato alla professione”, dice Napolitano.

Tra gli altri anche il direttore del Teatro Stabile di Napoli, Luca De Fusco. “Proprio lunedì – dice – abbiamo inaugurato l’anno accademico della scuola dello Stabile leggendo il suo messaggio ai ‘giovani colleghi’. Ciò che più colpiva era la freschezza e l’entusiasmo che aveva verso i giovani. Con loro e per loro diventava un ragazzino”.

“Non era solo generoso, ma anche un grande artista. Era un grande napoletano, un grande De Filippo”. Così Luigi De Filippo, figlio di Peppino, ricorda il cugino Luca, arrivando al Teatro Argentina per un ultimo saluto insieme a Paola Gassman ed Ugo Pagliai.

Christian de Sica: “Ho visto Luca 20 giorni fa al teatro Augusteo. Dopo il suo spettacolo siamo andati a mangiare con Aurelio de Laurentiis. Era in forma. La sua è stata una morte che nessuno si aspettava. A Napoli, ricordo, le persone lo chiamavano Luca. Così come chiamavano suo padre Eduardo”.

Marisa Laurito: “Luca era una persona allegra. Era scanzonato, attento preciso ma mai noioso. Era un uomo più che timido, discreto”.

Alle  16,30 la cerimonia laica con Nicola Piovani al pianoforte e, tra gli altri, le parole di Massimo Ammaniti, Raffaele La Capria, Antonio Sinagra e Lina Wertmuller.

Sorgente: Luca De Filippo, l’ultimo saluto da Servillo a Salemme – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *