Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

La mafia voleva uccidere Alfano: lo ‘mastichiamo’ come Kennedy

Palermo, 20 nov. (askanews) – “Questo Angelino Alfano è un porco con le persone. Chi minchia glielo ha portato allora qua con i voti di tutti, degli amici, è andato a finire là insieme a Berlusconi ed ora si sono dimenticati di tutti. Tanto che si è dimenticato a tutti che àincà e dalla galera, dalla galera dicono cose tinte su di lui”. E’ quanto si legge in un’intercettazione registrata fra tre soggetti coinvolti nell’ambito dell’inchiesta “Grande Passo 3”, che ha portato a sei fermi a Corleone. Dalle carte dell’indagine è emerso come i boss avessero individuato nel ministro dell’Interno il “nemico” responsabile dell’inasprimento del 41 bis, il regime di carcere duro. I tre interlocutori nel loro dialogo maturano come soluzione ai “problemi” proprio l’omicidio del ministro: “Se c’è l’accordo lo fottiamo a questo. Lo fottiamo, gli cafuddiamo (ndr: diamo) una botta in testa”. “Non perdiamo la faccia, noialtri siciliani! Di questo si tratta. E’ un cane per tutti, per tutti i carcerati Angelino Alfano”. Proseguendo nella loro conversazione, i tre paragonano le sorti del leader di Ncd a quelle del presidente degli Stati Uniti John Kennedy, ucciso a Dallas nel 1963. “Kennedy era allora il Presidente degli Stati Uniti, perché a Kennedy chi se lo è masticato! Non ce lo siamo masticato noialtri là in America! Ed ha fatto, ha fatto le stesse cose che ha fatto Angelino Alfano, che prima è salito con i voti di cosa nostra americana, e poi gli ha voltato le spalle”. La fase ideativa del piano, a questo punto, prevedeva di compiere il delitto direttamente a Roma, dove uno dei coinvolti nell’operazione, diceva di avere a disposizione una casa: “A Roma ho già il posto, a Roma c’è gente che ha una casa e la mette a disposizione da un giorno prima”. Successivamente la conversazione è vira sulla migliore opportunità di attendere le future elezioni, in occasione delle quali Alfano sarebbe dovuto rientrare in Sicilia per la sua campagna elettorale; così facendo, in territorio agrigentino, i tre indagati ritenevano molto più semplice dare corso al progetto ai suoi danni. “Qua appena ci sono le elezioni lui si porta”, “e se ne viene qua ad Agrigento, che vuole i voti degli agrigentini”, “posto qua deve essere fatto”, “qua lo dobbiamo aspettare, tra due anni ci sono le elezioni”. “Vi sono tante donne, tanti uomini e tanti servitori dello Stato che rischiano come e più di me, ho deciso come tutti loro di non curarmi di queste minacce e di andare avanti” perché “la liberazione della mia terra, della Sicilia, da questi maledetti vale di più della vita di ciascuno di noi”, ha detto Alfano, commentando da Bruxelles. . int4

Sorgente: La mafia voleva uccidere Alfano: lo ‘mastichiamo’ come Kennedy

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *