Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Jet abbattuto: alta tensione Russia-Turchia. Lavrov: “Sembra atto premeditato”. Salvo uno dei piloti – Medio Oriente – ANSA.it

Putin, può ripetersi ma in caso reagiremo

Medvedev: ‘Pericolosa escalation con la Nato, non ci sono scuse’. L’ira di Putin: “E’ stata unapugnalata, Ankara complice dei terroristi”. In salvo il secondo pilota – (ANSA)

E’ altissima la tensione tra Russia e Turchia dopo l’abbattimento di martedi’ del jet russo che Ankara accusa di aver sconfinato. “Abbiamo seri dubbi che l’abbattimento del jet russo sia stato un atto colposo, sembra molto una provocazione premeditata”: lo ha detto il ministro degli esteri russo Serghiei Lavrov in una conferenza stampa trasmessa in diretta tv.

Le Forze armate turche hanno rafforzato i controlli aerei del confine con la Siria dopo l’abbattimento di ieri del jet russo.Da oggi i caccia F-16 turchi di pattuglia saranno 18, mentre finora erano stati al massimo 12.

Con un comunicato del ministero degli Esteri di Ankara è stato reso noto che i ministri degli Esteri di Russia e Turchia hanno concordato di avere un colloquio nei prossimi giorni per discutere dell’abbattimento del jet di Mosca.

Mattarella, Ue cerchi scelte condivise – L’Unione europea, in politica estera e di difesa, deve cercare “scelte condivise che contrastino con efficacia le forze del disordine e del terrore. I tragici fatti di ieri ne confermano l’urgenza”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in aula a Strasburgo con un riferimento al jet russo abbattuto.

”Dopo quello che e’ successo ieri, non possiamo escludere qualche altro incidente, e se succedera’ dovremo reagire in un modo o nell’altro”, ha detto oggi Putin da Nizhni Taghil. Si difende Ankara: “La Turchia sostiene la pace, il dialogo e la diplomazia”: con l’abbattimento di ieri del jet russo “ha soltanto difeso la sua sicurezza e i diritti dei suoi fratelli” turcomanni, ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, citato dall’agenzia di stampa statale Anadolu.

E dopo aver spostato le navi (l’incrociatore russo Moskva avanza verso la costa di Latakia) Mosca si muove con i missili.  I sistemi di difesa anti missilistica S-400 saranno trasportati alla base militare russa di Khmeimim, a Latakia: ha annunciato il ministro della Difesa russa Serghiei Shoigu.

“Una pericolosa escalation dei rapporti Russia Nato, che non può essere giustificata con alcun interesse, compresa la protezione dei confini”: è la prima delle tre conseguenze delle “sconsiderate azioni criminali delle autorità turche che hanno abbattuto l’aereo russo” ieri, ha dichiarato il premier russo Dmitri Medvedev.  “Le lunghe relazioni di buon vicinato – ha aggiunto – tra Russia e Turchia sono state minate”. Le “conseguenze dirette” potrebbero essere “la rinuncia a una serie di importanti progetti comuni e la perdita di posizione nel mercato russo da parte delle compagnie turche. Mosca ha espresso una “protesta risoluta” all’ambasciatore turco a Mosca per l’abbattimento del jet russo ieri da parte di F16 di Ankara.

Il presidente americano Barack Obama ha chiamato Recep Erdogan esprimendo il sostegno di Usa e Nato alla Turchia e al suo diritto di difendere la propria sovranità, dicendosi anche d’accordo col premier turco sulla necessità di evitare un’escalation con Mosca. Dopo il giallo sulla sorte dei piloti del caccia abbattuto l’ambasciatore russo in Francia Alexander Orlov ha fatto sapere che il secondo pilota del jet militare russo abbattuto ieri dalla Turchia è stato “soccorso” dall’Esercito siriano. L’altro sarebbe invece stato ucciso dagli jihadisti. Il secondo pilota sarebbe stato tratto in salvo: lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin. Il ministro della Difesa Serghiei Shoigu ha precisato che il pilota “è sano e salvo” e si trova in una base russa nella zona della Siria controllata da Mosca. Alcune parti del jet russo sono cadute in territorio turco, ferendo due persone. Lo ha rivelato stamani il presidente Recep Tayyip Erdogan, ribadendo che al momento dell’abbattimento la Turchia non conosceva la provenienza del jet.

L’Unione europea, in politica estera e di difesa, deve cercare “scelte condivise che contrastino con efficacia le forze del disordine e del terrore. I tragici fatti di ieri ne confermano l’urgenza”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in aula a Strasburgo con un riferimento al jet russo abbattuto.

L’IRA DELLA RUSSIA, ‘PUGNALATA ALLE SPALLE’
“E’ stata una pugnalata alle spalle da parte dei complici del terrorismo“. Così il presidente russo Vladimir Putin ha commentato ieri l’abbattimento da parte della Turchia di un jet russo che secondo Ankara avrebbe violato il suo spazio aereo, versione che Mosca nega. Quanto accaduto, ha detto Putin, “avrà conseguenze tragiche nei rapporti tra Russia e Turchia”. E ancora: è un “evento che va oltre i limiti dell’ordinaria lotta contro il terrorismo”. Intanto il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov cancella la sua visita prevista per domani ad Ankara e Mosca sconsiglia i viaggi in Turchia mentre il ministero della Difesa russo parla di un “atto ostile” da parte della Turchia anche se vengono escluse minacce militari al Paese.

Gli Usa confermano che il jet russo non avrebbe risposto agli avverimenti turchi. “La Russia – ha avvertito tra l’altro il presidente Usa Barack Obama – deve spostare l’obiettivo dei suoi interventi” per colpire l’Isis e non i ribelli anti-Assad: la pace in Siria va vista attraverso i principi consolidati a Vienna”. “La Turchia – dice il presidente Usa – ha il diritto di difendere il proprio territorio”.

La Nato lancia un appello alla “calma e alla de-escalation” e sottolinea la necessità di “rafforzare il meccanismo per evitare questi incidenti nel futuro”. Lo dichiara il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, al termine del Consiglio Atlantico indicando che oggi ci sono stati contatti diretti tra Ankara e Mosca. “Gli accertamenti di diversi alleati hanno confermato” la versione della Turchia. Così Stoltenberg, ha risposto a chi chiedeva se l’Alleanza potesse affermare che il jet russo abbattuto aveva violato lo spazio aereo turco come sostenuto da Ankara. Fonti Nato confermano che per informazioni concordanti il Su-24 aveva sconfinato quando è stato colpito.

Sorgente: Jet abbattuto: alta tensione Russia-Turchia. Lavrov: “Sembra atto premeditato”. Salvo uno dei piloti – Medio Oriente – ANSA.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *