Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il petrolio e l’amicizia con ISIS: segreti e conflitti d’interesse della famiglia Erdogan

La principale fonte di denaro di cui beneficia lo “Stato Islamico” proviene dalla vendita di petrolio. Secondo i media turchi e siriani, gestisce il trasporto e le importazioni di petrolio dai territori controllati dall’ISIS Bilal Erdogan, figlio del presidente turco.Bilal Erdogan è il proprietario di diverse compagnie di navigazione. Secondo alcune indiscrezioni, avrebbe firmato un contratto di esclusiva per trasportare il petrolio dello “Stato Islamico” nei mercati asiatici. Le aziende logistiche di Bilal Erdogan nei porti di Ceyhan (Turchia) e di Beirut (Libano) hanno dei moli speciali dove le navi cisterna consegnano il petrolio di contrabbando, scrive “Rossiyskaya Gazeta”.In una recente intervista con i media turchi Gürsel Tekin, vicepresidente del “Partito Popolare Repubblicano”, aveva dichiarato:”il presidente Erdogan non vede alcun illecito nelle attività di suo figlio”.Secondo il capo di Stato, Bilal conduce semplicemente affari con le società giapponesi.”Ma in realtà Bilal Erdogan è impelagato in attività terroristiche, ma fino a quando suo padre sarà alla presidenza, Bilal godrà dell’immunità,” — afferma il politico turco.Tekin ha aggiunto che la compagnia di navigazione di Bilal “BMZ ltd.”, che cura gli interessi commerciali del petrolio dell’ISIS, è a conduzione familiare e le azioni della società appartengono alla famiglia e ai parenti stretti del capo di Stato. Sumeyye Erdogan, la figlia del presidente turco, gestisce un ospedale segreto che si trova in Turchia, vicino al confine siriano. Ogni giorno i camion dell’esercito turco vi portano decine di combattenti feriti dell’ISIS, che vengono curati e rispediti in Siria. Ha segnalato questo fatto un’infermiera che lavorava nella struttura ospedaliera.Il politologo e attivista sociale siriano Ali Salem al-Assad è sicuro: i terroristi spesso trovano riparo dall’esercito siriano e dai raid dell’Aviazione russa nel territorio turco, dove liberamente vengono fatti passare dalle guardie di frontiera.L’analista russo Vladimir Evseyev è convinto che Ankara stia cooperando con ISIS per i profitti del petrolio e per la lotta contro i curdi. Allo stesso tempo la Turchia sostiene ufficialmente la coalizione anti-terrorismo guidata dagli Stati Uniti.I combattenti dello “Stato Islamico” in assoluta libertà si recano in Turchia “per riposare e curare le ferite.” Recentemente è stato diffuso su internet il racconto di un’infermiera che pensava di prendersi cura di persone ferite dall’ISIS, ma poi aveva scoperto che nel suo ospedale le persone curate non erano altro che jihadisti.”La Turchia ottiene dividendi dal business sporco di sangue, che coinvolge i fondamentalisti che si impadroniscono del petrolio e dei reperti storici che poi rivendono attraverso la Turchia, — “RIA Novosti” cita le parole di Boris Dolgov, professore del Centro di Studi Arabi dell’Istituto di Studi Orientali.”I raid aerei russi sono diretti anche contro le autocisterne dei terroristi che trasportano il petrolio di contrabbando.In rete sono apparse delle foto in cui Bilal Erdogan posa con delle persone che sembrano essere militanti dello “Stato Islamico”. In una di queste immagini un uomo che sorride insieme a Bilal Erdogan in un’altra fotografia si mette in posa sullo sfondo di teste mozzate.Bilal Erdogan con militanti di ISISBilal Erdogan con militanti di ISIS

Sorgente: Il petrolio e l’amicizia con ISIS: segreti e conflitti d’interesse della famiglia Erdogan

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

.