Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Ecco il piano sicurezza dell’Ue: web sotto controllo e passeggeri schedati – Repubblica.it

Per fermare la propaganda del terrore sui social arriva un vero e proprio team per la “contronarrazione”. Censiti ingressi e uscite dall’Ue per bloccare i “foreign fighters”. Monitorato internet e rimossi i contenuti giudicati pericolosi. Il protocollo siglato coi giganti della rete, da Twitter a Facebook

BRUXELLES. I contenuti web verranno controllati periodicamente e quelli ritenuti più pericolosi saranno censurati o rimossi. Le chat, anche quelle sulle “piattaforme non convenzionali” come le console per videogiochi, saranno accessibili agli investigatori. Tutti i passeggeri dei voli verranno schedati, e i loro dati saranno conservati e resteranno a disposizione delle forze dell’ordine. In queste ore a Bruxelles si sta decidendo come e quanto. Un piano operativo articolato in cinque cruciali punti. L’obiettivo è approvare i primi  – gestione dati dei passeggeri e controllo del web – entro la fine dell’anno, e non andare oltre i primi mesi del 2016 per il resto.

Internet, come dimostrano gli attentati di Parigi e prima di Charlie Hebdo, è il principale strumento di reclutamento. Per questo gli esperti Ue stanno studiando un protocollo antiradicalizzazione, l’European Union IT form, del quale il prossimo 3 dicembre si discuterà diffusamente in un incontro tra i ministri degli Interni Ue e i giganti del web (Twitter, Facebook, Microsoft, Apple, Archive.org) che dovrebbe portare alla costituzione della Piattaforma centrale europea. Con l’industria del web, il 3 dicembre si discuterà anche di come, all’occorrenza, permettere alle forze di polizia, di controllare le comunicazioni su quelle piattaforme fino ad oggi considerate criptate, o comunque difficili da intercettare.

Tutti i dati raccolti via web verranno poi “stoccati” nelle banche dati presso il Counter Terrorism Center, all’Aia. In quei server dovrebbero finire anche i dati ricavati dal Pnr (il Passenger name record), ovvero il codice numerico che viene associato ad ogni viaggiatore che acquisti un biglietto aereo e che contiene tutti i dettagli, anche personali, del viaggio.

Il Counter Terrorism Center dell’Aia dovrebbe avere un ruolo di primo piano anche per quanto riguarda l’altro elemento che ha facilitato l’attacco di Parigi, quello della comunicazione di informazioni rilevanti tra le intelligence degli Stati membri. Dal 1 gennaio il Center monitorerà i “travellers”, cioè tutti quelli che si muovono dall’interno all’esterno dell’Europa.

Ulteriori due misure riguardano il traffico di armi: la proposta è di una procedura unica a tutti i paesi per la disattivazione

delle armi da fuoco. E la possibilità, come decise l’Onu dopo l’11 settembre, di congelare i beni dei terroristi applicando un protocollo simile alle misure di prevenzione mafiose.

Sorgente: Ecco il piano sicurezza dell’Ue: web sotto controllo e passeggeri schedati – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *