Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Comunicato di solidarietà agli studenti del liceo Alberti sgomberati e denunciati – carc

145119515-d82f7743-079c-4e5f-8c95-1edf105d04ec

La redazione di nuovaresistenza si associa al messaggio di solidarietà

Firenze, 23/11/2015
Comunicato di solidarietà agli studenti del liceo Alberti sgomberati e denunciati

La sezione di Firenze del partito dei CARC esprime la propria solidarietà ai 50 studenti del liceo Alberti che oggi sono stati sgomberati dalla loro scuola occupata dall’irruzione della Digos, sostenuta da due cellulari della Celere, e denunciati per interruzione di pubblico servizio. E’ evidente la paura della classe dominante del propagarsi di una forma di opposizione concreta all’applicazione della Buona Scuola e delle riforme antipopolari del Governo Renzi-Bergoglio in questo campo.
Firenze, solo nell’ultima settimana, ha visto l’occupazione degli studenti dell’ISA di Porta Romana e l’occupazione di un immobile ASL a Ponte di Mezzo da parte degli universitari in lotta contro i nuovi parametri ISEE per farne uno studentato, che solo nel capoluogo costringerebbero 370 di loro a lasciare le residenze. Tutto ciò a conferma della combattività delle masse popolari che non intendono sottostare alle politiche di lacrime e sangue imposte d questo governo dimostrando di essere volenterose nel trovare soluzioni alternative e positive alla crisi (come occupare e recuperare immobili oggetto di speculazioni a vantaggio di giovani così come fatto, appunto, dagli studenti in mobilitazione contro i nuovi parametri ISEE).
Altrettanto evidente come la repressione stia assumendo carattere di massa e non sia più limitata ai “militanti”: il numero di denunciati nell’occupazione dell’Alberti, parla chiaro.
Sosterremo gli studenti, che non si sono fatti intimidire da un simile intervento poliziesco, la cui gravità politica non ha bisogno di ulteriori spiegazioni, in ogni iniziativa che prenderanno per rilanciare la mobilitazione contro l’infame riforma.
Un prossimo appuntamento in cui rilanciare la mobilitazione dei vari settori delle masse popolari è la manifestazione di protesta contro il vertice Nato, che si terrà mercoledì 25 alle 17,30; un’occasione per organizzarsi e coordinarsi con altri compagni e compagne che lottano contro il nemico comune: la borghesia imperialista, responsabile dello sfascio della Scuola pubblica, il degrado dei quartieri, la disoccupazione dilagante, e di tutti gli altri effetti della crisi del sistema capitalista che disperatamente cerca di tenere in piedi.

Sorgente:carc Firenze

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *