Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Attentati a Parigi, il punto sulle indagini: tre fratelli coinvolti, caccia all’ottavo terrorista – Rai News

Negli attacchi coinvolti tre fratelli, uno è in fuga e contro di lui è stato emesso un mandato di cattura internazionale. La Procura belga ha identificato altri due terroristi: si tratta di due cittadini francesi che vivevano a BruxellesTweet23 Attentati Parigi, il 20 novembre a Bruxelles riunione straordinaria ministri interni della Ue Parigi, video strage al Bataclan: il momento degli spari e il bassista che scappa Stragi di #Parigi, il punto sulle indagini. Trovata la seconda auto, a bordo c’erano kalashnikov #Parigi: la mappa interattiva dei luoghi delle stragi15 novembre 2015Caccia all’ottavo terrorista che ha partecipato agli attentati a Parigi. Si tratta di Abdeslam Salah, belga, e contro di lui è stato emesso un mandato di cattura internazionale. L’uomo è uno dei tre fratelli coinvolti negli attentati: uno è morto- è uno dei kamikaze francesi indentificati. uno era stato messo in stato di fermo in Belgio, quindi rilasciato e il terzo è in fuga. L’uomo è sfuggito a un controllo alla frontiera franco-belga alle 8 del mattino di sabato, la polizia avrebbe lasciato andare l’auto a Cambrai poiché la segnalazione dell’uomo non era ancora attiva. Quando l’avviso è arrivato, gli agenti hanno raggiunto l’auto a Molenbeek. Tre attentatori sono francesiSono stati identificati altri due terroristi del commando dei sette che ha fatto strage a Parigi. Lo annuncia la Procura belga: si tratta di due francesi, entrambi residenti a Bruxelles, uno nel quartiere di Molenbeek. Sono dunque tre su sette i terroristi francesi identificati. Sette kamikaze che hanno agito divisi in tre commando e sono tutti morti: sei azionando le cinture esplosive, uno, invece, non ne ha avuto il tempo ed è stato ucciso dalle teste di cuoio francesi durante l’attacco al teatro Bataclan.Arresti in BelgioA Molenbeek sono state arrestate sette persone collegate agli attentati nella capitale francese; uno degli uomini fermati “sarebbe il fratello dell’uomo che aveva noleggiato l’auto in Belgio, abbandonata davanti al Bataclan. Il fratello è noto per aver tentato di partire per la Siria. L’uomo è ancora attivamente ricercato”.Trovata auto con KalashnikovRitrovata questa mattina a Montreuil la seconda auto dei terroristi una Seat nera che conteneva dei kalashnikov. La polizia ha distrutto i vetri per aprirla, trovando diverse armi all’interno. Sarebbe stata usata dal terzo gruppo di fuoco, che Kalashnikov alla mano, avrebbe fatto l’inferno alle 21,30 contro il caffe Bonne Biere a Rue Fontaine e solo pochi minuti dopo a Rue de Charonne contro il Belle Equipe, per poi darsi alla fuga. L’altra auto, la Polo nera, è stata invece usata dai tre terroristi che hanno massacrato 89 persone al Bataclan per poi farsi saltare in aria.Passaporto siriano forse falsoDagli Usa arriva una notizia che potrebbe frenare il dibattito in Europa sul tema dell’accoglienza dei rifugiato. È probabile, infatti, che sia falso il passaporto siriano trovato accanto a uno dei kamikaze entrati in azione allo Stade de France a Parigi. “Il documento non contiene i numeri corretti per un passaporto legittimo e la foto non coincide con il nome”, afferma lo 007 Usa alla Cbs.L’identità dell’attentatore franceseÈ stata svelata l’identità del terrorista francese entrato in azione al Bataclan, si tratta del 29enne Omar Ismail Mostefai, macchiatosi di crimini comuni prima di convertirsi al’islam radicale. Mostefai è stato identificato grazie all’impronta digitale del dito indice, unica porzione del suo corpo rimasta intatta dopo che ha azionato il giubetto esplosivo che celava sotto i vestiti. Sette suoi familiari sono stati arrestati, il fratello del kamikaze ha già detto agli inquirenti che non aveva notizie di Ismail da diversi mesi e di essere stato al corrente di un suo viaggio in Algeria.

Sorgente: Attentati a Parigi, il punto sulle indagini: tre fratelli coinvolti, caccia all’ottavo terrorista – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *