Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

A Rogoredo il raduno dei naziskin Controlli della Digos – Corriere.it

Gli ultranazionalisti hanno scelto lo stesso capannone del 2013 per festeggiare il ventesimo anno di nascita della sezione italiana. La Questura non ha evidenziato allarmi specifici: l’evento, proprio perché in luogo privato, non può essere vietato

di Redazione Milano online

La locandina dell’evento su Facebook
La locandina dell’evento su Facebook

È stato ancora un capannone in zona Rogoredo, al civico 75 di via Toffetti, il luogo scelto dai militanti ultranazionalisti Hammerskin, per celebrare il ventesimo anno di nascita della sezione italiana. Già nel 2013 lo stesso spazio aveva ospitato, non senza polemiche, il raduno del movimento di estrema destra. Nel 2013, il sindaco Pisapia aveva espresso sui social network la sua preoccupazione. Bollando l’iniziativa come «grave e inquietante, anche per la sua portata internazionale». L’assessore alla Sicurezza, Marco Granelli, aveva ribadito la totale estraneità del Comune: «Non abbiamo concesso alcuna autorizzazione né area pubblica per lo svolgimento della manifestazione». In quella occasione, tuttavia, la prefettura aveva chiarito di non poter impedire il raduno proprio per la sua natura privata e perché non rappresentava un pericolo per l’ordine pubblico.

Stessa linea che le forze dell’ordine hanno ribadito in occasione dell’Hammerfest 2015 di sabato: sì ai controlli, ma nessun veto o allarme specifico. I primi partecipanti alla «festa» degli skinhead alla quale hanno aderito militanti anche da altri Paesi europei (Germania, Francia, Austria, Polonia) hanno iniziato ad affluire intorno alle 16.30 (alle 17 l’inizio della manifestazione). Pur in assenza di particolari allarmi, nel generale clima di tensione che si respira in città (vuoi per gli attentati terroristici di Parigi, vuoi per l’accoltellamento dell’ebreo ortodosso in viale San Gimignano) gli apparati di sicurezza si sono attivati per evitare che l’assembramento potesse sfociare in episodi di violenza antisemita. Le 695 adesioni registrate sulla pagina Facebook dell’evento, ad ogni modo, sembravano lontane dai numeri di un maxi raduno. Sempre che altri passaparola, non tracciabili sul web, siano circolati attraverso altri canali riuscendo a mobilitare un pubblico più consistente.

Sorgente: A Rogoredo il raduno dei naziskinControlli della Digos – Corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *