Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Marcia della pace: in 100mila alla Perugia-Assisi

agi.it – Anche la presidente della Camera, Laura Boldrini, si e’ unita al lungo corteo della Marcia della Pace Perugia-Assisi. La presidente si e’ messa in marcia a Santa Maria degli Angeli e sta raggiungendo a piedi la piazza della Basilica di Assisi dove e’ stato allestito il palco.

Oltre 100mila, secondo gli organizzatori, le persone che hanno partecipanto alla Marcia, partita da Perugia.

Decine di migliaia di persone che sono partite da 562 citta’, con una rappresentanza di 115 scuole, 275 enti Locali e Regioni e 478 Associazioni. Il tema scelto per l’edizione 2014 e’ ‘Cento anni di guerre bastano’.

Papa Francesco ha inviato un messaggio ai partecipanti, letto dalla Loggia della Basilica dal vescovo di Assisi, Domenico Sorrentino: “In occasione della Marcia per la pace Perugia-Assisi il Santo Padre e’ lieto di rivolgere ai partecipanti il suo cordiale saluto e, mentre auspica che la manifestazione susciti sempre piu’ vivo impegno nella diffusione della cultura della solidarieta’, ispirata ai valori morali e al servizio della persona umana e del bene comune, invoca la materna protezione della vergine santa e di San Francesco d’Assisi, e di cuore invia ai presenti tutti la benedizione apostolica”.

Per la presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha incontrato una delegazione degli operai dell’Ast di Terni, “e’ importante in una sede come questa ribadire che la pace sociale si basa anche sul diritto al lavoro, che e’ un diritto costituzionale. Spogliare le persone della facolta’ di guadagnarsi da vivere e’ umiliarle”. “Mi sembra giusto che in un incontro come questo, che e’ rivolto alla pace – ha detto la presidente – si parli anche del lavoro che non c’e’ e del fatto che quando manca crea tensione sociale e quindi mina la pace sociale. Bisogna mettere al centro di ogni azione politica e istituzionale la creazione di nuovo lavoro, che significa avere una politica industriale, avere la possibilita’ di attirare gli investimenti, utilizzare l’innovazione e le nuove tecnologie. Bisogna prendere atto del cambiamento del lavoro e sostenere le nuove forme, ma non attraverso l’erosione dei diritti di chi ancora un lavoro ce l’ha”. (AGI) .

viaMarcia della pace: in 100mila alla Perugia-Assisi.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing