Unione Inquilini: lettera aperta sulla terza giornata nazionale “sfratti zero” :: Il pane e le rose – classe capitale e partito

9 Luglio 2014 0 Di ken sharo

bastasfratti

Cari compagni e care compagne,

Come sapete, ottobre è il mese internazionale delle mobilitazioni straordinarie “sfratti zero”, una iniziativa lanciata 15 anni fa dall’Alleanza Internazionale degli Abitanti (www.habitants.org).

Dal 2012 su proposta dell’Unione Inquilini il 10 ottobre è, in Italia, la giornata nazionale “sfratti zero”.

Una giornata che nelle precedenti due edizioni ha visto iniziative fatte di picchetti anti sfratto, cortei, tendopoli, occupazioni di case sfitte, convegni, assemblee, presidi, raccolte firme, consigli comunali e municipali aperti che si sono svolte in circa 70 città italiane.

Iniziative che ogni soggetto partecipante ha gestito, promosso e organizzato nella sua totale autonomia.

Ci stiamo avvicinando alla terza giornata sfratti zero e vorremmo se possibile coinvolgere ancora più città e ancora più comitati, associazioni, sindacati, consigli comunali, regionali e municipali.

A tutti è richiesto di partecipare ad una giornata coordinata di lotta e di iniziative che intende porre la questione del diritto alla casa, del passaggio da casa a casa per sfrattati, di politiche abitative pubbliche che partano dal riuso degli immobili utilizzati, uscendo dalle politiche di cementificazione del territorio fondate sugli interessi delle lobby della rendita e della speculazione immobiliare.

L’appello che rivolgiamo è che anche questo anno il 10 ottobre l’Italia sia attraversata da una giornata non ritualistica ma che si inserisce dentro il percorso di lotta alla precarietà abitativa che continua ad essere rappresentata e affrontata come “emergenza abitativa” termine orribile visto il numero delle famiglie coinvolte dagli sfratti ( ogni anno terribilmente in aumento in particolare quelli per morosità incolpevole).

Continuiamo a pensare e a credere che la vasta precarietà abitativa creata dal caro affitti, dagli sfratti, dalla assoluta insufficienza di alloggi di edilizia residenziale pubblica ( 700 mila le famiglie collocate nelle graduatorie) vada affrontata con politiche strutturali che si basino sul fabbisogno reale e non della speculazione.

Con questa lettera aperta siamo a invitare tutte e tutti, comitati, movimenti, sindacati, associazioni, gruppi consiliari comunali e municipali, ognuno nella sua autonomia di proposte e di iniziative, ad aderire alla terza giornata nazionale “sfratti zero” del 10 ottobre 2014.

Per info e/o adesioni e comunicazioni di iniziative: [email protected]

Ciao a tutte e tutti

Massimo Pasquini – Unione Inquilini

viaUnione Inquilini: lettera aperta sulla terza giornata nazionale “sfratti zero” :: Il pane e le rose – classe capitale e partito.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •