Torino: m5s vota contro la chiusura dei cie – [email protected]

20 Febbraio 2014 0 Di ken sharo

cie_bologna1

di Ken Sharo – [email protected] – I risultati della votazione al Comune di Torino, sulla mozione per la chiusura dei Cie, pone ancora una volta la questione dell’essere antifascista. Molti compagni, si lasciano trascinare dall’onda grillina, e non so se questo guardi ad uno spazio elettorale piú
ampio, oppure, come ritengo piú probabile, ad un assenza di chiarezza sulla politica.

A questo riguardo penso che il movimento NO TAV, dovrebbe esprimere una posizione piú chiara rispetto al M5S, perché le lotte per la salvaguardia dei diritti e la lotta contro la repressione, deve essere globale e non puó essere limitata al proprio orticello.

Riportiamo, in fondo a quest’articolo, sia quanto pubblicato dai media, sia le argomentazioni del M5S. Quest’ultime, hanno indubbiamente una loro ragione d’essere, ma non possono essere prevalenti su fondamentali diritti umani, quale la libertá, che nei CIE viene negata a persone che non hanno compiuto alcun reato, violenza o quant’altro che penalmente possa portare alla limitazione della stessa.

Quindi, chi si dichiara antifascista, deve innanzi tutto opporsi nettamente alla repressione dei diritti umani. Chiudere i CIE é un dovere di lotta per l’affermazione della libertá degli individui a circolare ed a cercare una degna dimensione di  vita. Dopo il voto contrario alla chiusura dei CIE, la posizione del M5S é chiara e lampante e non puó essere accettata né tollerata da chi, giorno dopo giorno, lotta affinché non un’unica persona venga privata della propria libertá per questioni di origini, lingua o religione.

Per tutto questo e molto altro rimarremo antifascisti sempre – KEN SHARO

LA VERSIONE DELLA STAMPA

diciotto voti contro undici: il dispositivo impegna “sindaco e giunta a a chiedere ufficialmente al governo di chiudere il centro di corso Brunelleschi” è stata approvata con i voti di Pd e Sel. Contrari centrodestra e Cinque stelle. Torino è la prima grande città a votare in questo senso

di GABRIELE GUCCIONE

Comune di Torino: “Cie degradanti, vanno chiusi” passa la mozione col sì di Fassino, M5S contrariIl Cie di corso Brunelleschi
Torino, prima tra le grandi città d’Italia, non vuole il Cie: il centro di detenzione per immigrati “irregolari” va chiuso. La richiesta parte dalla Sala Rossa con una mozione approvata a maggioranza “che impegna il sindaco e la giunta comunale a a chiedere ufficialmente al Governo di chiudere nel più breve tempo possibile il Cie di Corso Brunelleschi”. Il documento è stato approvato con i voti favorevoli del Pd e di Sel, compreso il voto del sindaco Piero Fassino. L’opposizione di centrodestra e il Movimento Cinque Stelle, rappresentato in aula dal capogruppo Vittorio Bertola, hanno votato contro la chiusura del centro. I Moderati si sono astenuti. “I Cie – scrive il Consiglio comunale – oltre a essere degradanti della dignità umana sono eticamente ingiusti, perché comportano una restrizione della libertà personale senza reato, sanzionando la mera irregolarità amministrativa”.

La
mozione era stata presentata dopo i recenti sopralluoghi dei consiglieri comunali, che hanno constatato le condizioni di vita del Cie. E’ stata firmata da Marco Grimaldi e Michele Curto di Sel, e dai democratici Lucia Centillo, Domenica Genisio, Laura Onofri, Marta Levi e Mimmo Carretta.

http://torino.repubblica.it/cronaca/2014/02/17/news/il_consiglio_comunale_cie_degradanti_vanno_chiusi_s_alla_mozione_col_voto_di_fassino_m5s_dice_no-78876174/

MOVIMENTO 5 STELLE

In questo inizio di 2014, l’amministrazione di Fassino ha deciso di attaccare con rinnovato vigore i veri problemi della città. Bene, direte voi, allora di cosa si parla? Lavoro? Casa? Inquinamento? Traffico?

Beh, non proprio: dopo l’invito alla legalizzazione della marijuana e l’equiparazione delle coppie di fatto nell’accesso alle tombe di famiglia – provvedimenti che noi abbiamo pure condiviso, ma che forse non erano proprio la priorità numero uno – questa settimana l’urgenza individuata da PD e SEL è la chiusura dei CIE.

E’, secondo loro, talmente urgente che giovedì hanno scritto una mozione, venerdì l’hanno dichiarata (a colpi di maggioranza) di urgenza totale e imprescindibile e così domani la metteranno in votazione in consiglio comunale. E dunque, io e Chiara saremo chiamati domani a prendere una decisione su come votare, e per questo io dedico la mia domenica mattina a spiegarvi il problema affinché possiate esprimere una opinione.

Per prima cosa, comunque, vi rimando al post di novembre sulla mia visita al CIE, per farvi un’idea direttamente di cos’è e come funziona questa struttura.

A riguardo del testo della mozione, le mie prime considerazioni sono queste: gran parte delle premesse (direi il primo, secondo e quarto blocco) sono condivisibili, e riguardano il fatto che i CIE sostanzialmente non funzionino rispetto allo scopo per cui sono stati istituiti. Da una parte, infatti, rappresentano un ambiente degradato e degradante per persone che comunque non hanno commesso alcun reato, e che però, stando lì, diventano per forza di cose più furiose e antisociali di prima; dall’altra, non riescono ad espellere che metà circa delle persone che vi vengono inviate, per cui le altre alla fine escono e restano tranquillamente in Italia; tutto questo a fronte di costi esorbitanti, continui problemi di ordine pubblico e disturbo anche a chi ci abita attorno (a cui, quindici anni fa, era stato promesso che il CIE sarebbe stato lì soltanto per qualche anno). E dunque, la richiesta di chiudere il CIE di corso Brunelleschi, e in generale di abbandonare l’intero meccanismo dei CIE sostituendolo con qualcos’altro di più efficace, è secondo me condivisibile.

Quello che invece nella mozione io non condivido è l’approccio ideologico evidente nel blocco “ritenuto che” e nelle due richieste finali al sindaco e alle istituzioni nazionali. Tra le affermazioni e le richieste che si fanno in queste parti ci sono:

  • che è ingiusto detenere gli immigrati clandestini in attesa di espulsione, senza lasciarli andare in giro liberamente, e che questa è una “inqualificabile violazione dei diritti umani”;
  • che già che ci siamo, oltre a chiudere i CIE, dovremmo rivedere le leggi per dare anche la cittadinanza e il diritto di voto (agli immigrati clandestini?!?);
  • che la detenzione degli immigrati clandestini deve essere decisa solo da un giudice e non da un giudice di pace o da un provvedimento amministrativo.

Peccato che la detenzione degli immigrati clandestini fino a 18 mesi, su provvedimento anche amministrativo, sia semplicemente quanto previsto dalla direttiva europea sui rimpatri, che prevede che a fronte di uno straniero che non ha diritto di rimanere in Europa gli si dia (art. 7) un periodo da sette a trenta giorni per andarsene volontariamente, con la possibilità di imporre l’obbligo di residenza o eliminare questo periodo in caso di rischio di sparizione, finito il quale (art. 8) “gli Stati membri prenderanno tutte le misure necessarie per far rispettare la decisione di rimpatrio”; a questo scopo è prevista, con tutta una serie di salvaguardie, la possibilità di detenere lo straniero se non vi siano altre misure efficaci (art. 15), prevedendo un massimo di sei mesi che può essere esteso a diciotto se l’individuo o il suo Paese non collaborano al rimpatrio (difatti uno dei principali motivi per cui non si riescono a rimpatriare gli ospiti dei CIE è che diversi Paesi fanno di tutto per non riprenderseli).

Come mostra questa mappa, tutti i Paesi europei hanno centri di detenzione per gli immigrati clandestini, sia nella fase di prima accoglienza e identificazione che nella fase di partenza per il rimpatrio; Germania, Danimarca, Svizzera e Irlanda li tengono direttamente in carcere. A questo punto, o il Parlamento Europeo e tutti gli altri Paesi europei sono degli inqualificabili violatori dei diritti umani, o c’è qualcosa che non va nel ragionamento della mozione.

Tra l’altro noi pensiamo sempre a chi sbarca dai barconi, ma la grande maggioranza dei clandestini ormai sono persone precedentemente regolari che hanno perso il lavoro e non ne hanno ritrovato uno nel tempo concesso, e che quindi sono prive di mezzi di sussistenza e, non avendo alle spalle una rete sociale, hanno spesso poche alternative al finire a rubare o anche peggio.

La questione di fondo, quindi, è molto semplice. Se uno crede che l’immigrazione, anche essendo una risorsa importante e positiva per un Paese, vada regolata, definendo un numero massimo di stranieri che è possibile accogliere in base alle necessità e alle disponibilità socioeconomiche della nazione e stabilendo dei criteri di ammissibilità, allora inevitabilmente esisteranno i clandestini, ovvero persone che provano lo stesso a entrare o rimanere nel Paese anche quando non rientrano nei vincoli posti; e in un Paese serio, che fa leggi non per dar fiato alla bocca e fare un titolo sul giornale ma per regolare la convivenza di tutti, una persona che non è autorizzata a stare lì deve venire espulsa; e poiché per forza di cose chi tenta di entrare non ha intenzione di farsi espellere, è quasi sempre necessario farlo con la forza.

Si può benissimo discutere su quali sono le condizioni per espellere qualcuno, e ad esempio essere più accoglienti con gli stranieri regolari che perdono il lavoro; si può, anzi si deve garantire un trattamento migliore e più umano per le persone soggette alla procedura di espulsione, che non può essere trascinata per mesi e mesi. Ma non si può prescindere da un sistema di trattenimento e accompagnamento forzato alla frontiera di chi va espulso, e dunque non si può fare a meno di qualcosa che funzioni come un CIE.

Se invece non si vogliono i CIE, e anzi si cerca di aggiungere ostacoli e cavilli alle procedure di espulsione, di fatto si sta dicendo che non si vuole espellere mai nessuno, e che si vuole una immigrazione incontrollata e senza limiti. Ma una immigrazione di questo tipo serve solo a qualcuno: a chi detiene il potere economico, a cui fanno comodo grandi masse di immigrati tenuti ai margini della società e disposti a lavorare a condizioni inaccettabili per gli italiani, creando una guerra tra poveri che permette di distruggere tutti i diritti sociali conquistati in cent’anni di lotte, e che offre facili capri espiatori della crisi economica alla gente comune, evitando che essa se la prenda con chi veramente la sfrutta.

Spiace che a portare avanti questa trappola siano i partiti cosiddetti di sinistra, ma delle due l’una: o non hanno capito niente del mondo globalizzato, o sono venduti al potere.

Per questo motivo, secondo me la mozione così come presentata non può essere votata; sono incerto se proporre la riscrittura delle parti che non condivido, operazione che tuttavia difficilmente incontrerà il favore dei proponenti, a maggior ragione vista l’ostinazione con cui hanno voluto votarla di corsa senza discuterla con calma. Ad ogni modo, siamo qui per ascoltare e dunque leggerò con piacere i commenti di tutti.

http://www.movimentotorino.it/2014/01/sulla-mozione-per-la-chiusura-dei-cie.html

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •