ROMA – Meno detenuti nelle carceri, circa 3mila, e taglio dei tempi per i processi civili e penali. Questo l’obiettivo del pacchetto di misure che domani andrà in Consiglio dei ministri. Un modo, come ha spiegato Enrico Letta per “dare seguito alle parole di Giorgio Napolitano”. Il presidente della Repubblica nel tradizionale saluto di fine anno alle cariche istituzionali, ha sottolineato ancora una volta “le condizioni disumane” alle quali sono costretti i detenuti, “è un problema da non trascurare nemmeno un giorno in più”, ha sottolineato la prima carica dello Stato.