Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Thatcher una di noi? No. Thatcher una di voi. Donniste. – Al di là del Buco

 

Thatcher una di noi? No. Thatcher una di voi. Donniste. – Al di là del Buco.

Ma io vi giuro che questo articolo della 27esimaora non l’avevo letto. Ci mancava solo l’ode alla Lady di Ferro e allora si che capiamo in che tempi bui il femminismo (?!?) italiano sta.

Ma che vuoi dire esattamente? Che prima eri una hippie e poi sei cresciuta? Stai dicendo che quegli ideali per cui c’è gente che è morta, s’è fatta spaccare la testa in piazza e fu torturata nelle carceri britanniche, erano stronzate a fronte della meraviglia di questa donna che – e cito – “ha visto il potere e non ha esitato a prenderselo. Con successo.“?

Ma sarai stata “giovane e infarcita di idealismo e vaghe idee di sinistra” tu mentre la tua generazione lottava e ci rimetteva pelle, ossa e sangue.

A noi ragazze non importava nulla che Margaret fosse una donna, una di noi. Allora, non sembrava così importante.

Una di noi??? Ma noi chi? Di chi parli? Le portatrici di utero? Ah già, perché in Italia averci un utero oramai è fondamentale, indi per cui se Hitler avesse avuto un utero oggi lo avreste celebrato dicendo che “era una donna, una di noi“.

Quella che chiami “austerità” di quell’epoca fu fatta di decine e decine e centinaia di arresti, scioperi, legnate a minatori e operai. La polizia che si aggirava svelta per le vie di Londra a ripulire la City da accattoni e senza tetto, era più rapida di speedy gonzales. Degli spazzini che arrivavano, incassavano lo scarto umano, e lo portavano in un nulla infinito dal quale non sarebbe uscito più.

La cosa più divertente di quegli anni furono i cessi pubblici a forma di silos con l’apertura a scatto e a moneta in stile Ubik (Philip K. Dick) che se non entravi o uscivi in tempo restavi incastrat@ o con il culo esposto in bella mostra.

La Thatcher fu la prima in Europa a farsi consigliare dall’economista che inventò la Shock Economy e ad utilizzarla. E’ l’antesignana di tanti padrini della deregulation liberista con privatizzazioni a tempesta e svendite di tutto lo svendibile dei diritti e dello stato sociale. E se anche guardando i film di Ken Loach non hai capito questo, allora, beh, credo tu abbia davvero sbagliato film o c’hai visto solo le storie sentimentali di sottofondo, semmai ne trovi una.

Avevo appena scritto sulla pagina Facebook un pensiero che ritenevo scontato:

Se la Thatcher fosse diventata primo ministro oggi ci sarebbero stati fior di editoriali per dire quanto fosse bella, brava, fantastica, in quanto donna. Invece è propria la dimostrazione del fatto che la donnanza non porta nulla di meglio se la persona che viene eletta è autoritaria. Perciò l’unità di donne in quanto portatrici di utero è insensata. Perciò evocare unità senza parlare di differenza di classe e di identità politica è una assoluta stronzata. Così per lei. Così per qualunque altra ministra italiota che realizza politiche orribili. E poi piange. Poi.

Poi arrivo qui e trovo che scrivi:

Margaret Thatcher non deve essere stata neppure un gran buona madre, visti i pasticci e gli scandali in cui è rimasto invischiato il figlio Mark. Però, oggi, rendo onore anche io a Margaret Thatcher, in quanto donna di potere. O meglio, donna che ha visto il potere e non ha esitato a prenderselo. Con successo. Guardo le foto dell’attuale «club politico» inglese (tutti maschi) e rimpiango Margaret, i suoi capelli cotonati e le sue borsette. Come, forse, un giorno, rimpiangerò Angela Merkel, conservatrice come lei ma molto più «morbida» socialmente di lei. Anzi, spero di no. Spero di non rimpiangere nessuna di loro. Immagino già una lunga serie di donne, serie, intellettualmente preparate e psicologicamente pronte a prendere il potere. Anche qui, in Italia. E a cambiare le carte. A destra, a sinistra e, perchè no, anche al centro. Grazie, Signora Thatcher.

Che dire. Il Donnismo esiste ed è qui tra noi. Grazie un tubo. Vi siete bevute il cervello con ‘sta donnanza a tutti i costi. Ma ripigliatevi, vi prego. Detta col cuore.

—>>>In Italia si pratica il Donnismo (Movimento di distrazione di massa)

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing