Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Parma :I politici mafiosi arraffano e a noi fanno pagare la crisi. Deduzione: alla massomafia i soldi non bastano mai …. | Indymedia Lombardia

 

I politici mafiosi arraffano e a noi fanno pagare la crisi, deduzione: alla massomafia i soldi non bastano mai ….
Parma 16 gennaio 2013
L’arresto dell’ex sindaco Pietro Vignali
Dopo Green Money ed Easy Money ecco Public Money, l’ennesima inchiesta giudiziaria sul giro di tangenti tra i vertici di potere di Parma. L’ultima operazione, scattata stamattina all’alba, ha portato a quattro arresti illustri con le accuse di corruzione e peculato: sono finiti in manette il capogruppo del Pdl in consiglio regionale e vicepresidente della multiutility Iren Luigi Giuseppe Villani, l’ex sindaco di centrodestra Pietro Vignali, il manager ed ex presidente della società comunale Stt Andrea Costa e l’imprenditore ed editore del quotidiano locale Polis Angelo Buzzi.
La conferenza stampa tenuta dal capo procuratore di Parma Gerardo Laguardia, ha rivelato l’esistenza di un sistema di potere “pernicioso e incancrenito nella cosa pubblica” con “la collaborazione di numerosi dirigenti pubblici”. Ravvisate “interferenze nelle nomine di prefetto, commissario prefettizio, questore e dirigenti della società partecipata Stt”.
Tra i fogli dell’inchiesta spuntano tanti nomi illustri tra cui quello di Silvio Berlusconi: per ostacolare le indagini della Procura Pietro Vignali avrebbe cercato di contattare l’ex premier attraverso la escort Nadia Macrì. La ragazza, coinvolta nell’indagine sull’ex esponente del Pdl e narcotrafficante Perla Genovesi, aveva dichiarato ai magistrati di Palermo di aver fatto sesso per soldi con l’ex sindaco, il quale aveva negato: “L’ho conosciuta davanti a un hotel, ma non ci ho mai fatto sesso. Ho scambiato soltanto poche chiacchiere con lei”.
Oltre agli arrestati, sono indagate altre 20 persone, molte delle quali coinvolte nelle precedenti inchieste sulla corruzione della Procura, altre pagate dal Comune o dalle società partecipate: Emanuele Moruzzi, Mauro Bertoli, Ernasto Balisciano, Carlo Iacovini, Alessandro Forni, Gian Vittorio Andreaus, Tommaso Mori, Norberto Mangiarotti, Alfonso Bove, Marco Rosi, Tommaso Ghirardi, Alberto Monguidi, Aldo Torchiaro, Lara Ampollini, Riccardo Ragni, Antonio Cenini, Danilo Cucchi, Tiziano Mauro, Emanuela Iacazzi e Mirko Dolfen.
Confiscati dalla Guardia di Finanza beni mobili e immobili per 3,5 milioni di euro, tra cui anche automobili, terreni, appartamenti, conti correnti. A Vignali sequestrati beni per 1,9 milioni di euro, a Costa per 1,3 milioni, 163mila euro a Buzzi e 98mila euro a Villani. Ancora da verificare l’esistenza di possibili “beni occultati”.
Gli arrestati avrebbero goduto per anni di un sistema di potere finanziato da soldi pubblici. Dalle intercettazioni è stato scoperto che la prima campagna elettorale di Vignali e il mantenimento del consenso elettorale nel corso del suo mandato sono stati finanziati con denaro che veniva prima “riciclato” attraverso appalti pilotati per alcune società partecipate del Comune (l’ex Enia – poi confluita in Iren – Alfa e Infomobility) e poi fatto confluire in una cooperativa che fungeva da “bancomat”, la Sws, decapitata dall’inchiesta Green Money 2 con l’arresto dell’ex presidente Gian Vittorio Andreaus e del suo vice Tommaso Mori.
Vignali, primo cittadino di Parma dal 2007 al 2011 – quando fu costretto a lasciare l’incarico prima della fine del mandato abbandonato da tutti, a causa delle inchieste giudiziare che hanno travolto la sua Giunta di centrodestra. Ma nelle intercettazioni veniva chiamato “il papa”, colui che era a capo dei traffici tra Sws e società partecipate.
La sua prima campagna elettorale e la preparaziona a quella successiva era stata sovvenzionata da Enia per un ammontare di oltre 600mila euro, sempre tramite la cooperativa Sws. “Tutte le spese elettorali sono state pagate da società operanti nel verde pubblico. Enia dal 2007 al 2011 ha fatturato 4,5 milioni per prestazioni inesistenti.
Dalle intercettazioni risulta che anche il tentativo di fermare il cantiere dell’inceneritore fu una trovata per cercare il consenso elettorale.
Il quotidiano Polis era considerato “una spina nel fianco”, ma viene trovato un accordo con Angelo Buzzi, il quarto arrestato. Imprenditore immobiliare, “boss” della squadra di calcio locale Crociati Noceto, Buzzi viene convinto a cambiare il direttore del suo giornale. Il denaro per l’operazione – 98mila euro – viene erogato da Andrea Costa, attraverso la partecipata Stt, di cui al tempo era presidente. La cifra comprendeva anche gli stipendi dei giornalisti, pagati direttamente dalla società.
Buzzi, successivamente, è stato anche nominato consigliere di Iren Emilia. Ci fu poi un tentativo di raggiungere un altro quotidiano locale, L’Informazione, che però nel 2012 ha chiuso i battenti.
Attraverso i soldi pubblici di Stt Andrea Costa, proprietario di tenute vinicole in Piemonte e in Toscana, si faceva anche fare analisi sul vino, per una cifra di 19mila euro. Avrebbe anche distratto fondi da un’altra partecipata di cui era presidente, Alfa, in favore dell’ex presidente della società comunale di trasporti pubblici Tep Tiziano Mauro.
Costa ha lasciato la guida di Stt nel 2010 dopo un avviso di garanzia per abuso di ufficio: era stato anche presidente della Tep, l’azienda di trasporti pubblica di Parma, che aveva investito circa otto milioni di euro nella banca Mb, commissariata dalla Banca d’Italia, e nel cui cda sedeva lo stesso Costa. Vignali e Costa sono accusati anche di aver distratto una somma complessiva di 900mila euro dalle partecipate Metro Parma e Alfa per pagare una penale per la rescissione anticipata di un contratto di concessione tra il Comune e la società Macello di Parma. Mezzo milione è stato preso da Metro Parma per rifornire Stt, ma la somma non è poi stata utilizzata per quello scopo perché trattenuta da un istituto di credito a copertura dello scoperto di conto corrente. Quattrocentomila euro sono invece transitati da Alfa a Stt per poi essere erogati al legale rappresentante di Macello di Parma, nel maggio 2010.
A dirigere il sistema e “decidere tutto” secondo la Procura era Villani, finito in manette. Vignali – è stato scoperto tramite le intercettazioni – si incontrava con lui di continuo e lo informava su ogni dettaglio della gestione comunale. Le riunioni non si svolgevano solo in Comune ma anche in locali pubblici. Indiscusso “ras” del centrodestra di Parma e provincia, capogruppo del Pdl in consiglio regionale da anni, coordinatore del Pdl provinciale fino al febbraio 2012 (quando venne nominato il suo successore Paolo Buzzi, numero due dell’ex sindaco Vignali ora tra i banchi dell’opposizione in Giunta comunale) Villani fu poi anche nominato in quota comunale vicepresidente di Iren, la multiutility dell’energia contestata per la costruzione del famigerato inceneritore.
Tommaso Ghirardi è indagato per peculato in concorso con l’ex addetto stampa del Comune Alberto Monguidi e con l’ex sindaco Vignali. Sono accusati di aver distratto dalle casse del Comune di Parma una somma di 21.293 euro per mandare a buon fine il passaggio di Monguidi dalla società calcistica al Comune di Parma quale responsabile dell’ufficio stampa.
Monguidi infatti per l’incarico aveva chiesto una retribuzione dirigenziale, pari o superiore a 85mila euro. Non potendolo nominare dirigente per non violare la normativa in materia, Vignali si sarebbe accordato con Ghirardi perché una parte della somma che il Parma calcio doveva al Comune andasse direttamente a Monguidi, di fatto rinunciando a un diritto di credito dell’amministrazione pubblica. Tra gli indagati per corruzione anche Marco Rosi, imprenditore proprietario del marchio Parmacotto, che negli anni passati ha avuto problemi con l’Amministrazione per la realizzazione di un dehors fuori da un suo locale. La struttura era risultata poi abusiva, perché non conforme alle normative comunali in materia. Per far cambiare il regolamento al sindaco, Rosi avrebbe fatto regali a Vignali pagandogli il soggiorno in un hotel di lusso a Forte dei Marmi.
Questa nuova indagine arriva dopo la bufera di Green Money 2, l’inchiesta anti-corruzione della Procura, datata giungo 2011: arrestati diversi dirigenti comunali molto vicini all’allora sindaco Vignali, tra cui il capo della polizia municipale Giovanni Maria Jacobazzi. A settembre era stata la volta dell’operazione Easy Money e in manette era finito l’assessore alla Scuola Giovanni Paolo Bernini, per tangenti legate alle mense scolastiche.

Parma :I politici mafiosi arraffano e a noi fanno pagare la crisi. Deduzione: alla massomafia i soldi non bastano mai …. | Indymedia Lombardia.

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing