Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

LAV: le nostre campagne – L’Erbolario e LAV insieme per un mercoledì veg

LAV: le nostre campagne – vegetarismo – cambiamenu – cambiamenu news.

  • L’Erbolario, marchio leader nel settore della fitocosmesi, ancora una volta si schiera al fianco della Lav. E stavolta in maniera gustosa. L’azienda di Lodi promuove insieme a Lav l’iniziativa MercoledìVeg, la campagna di sensibilizzazione sull’impatto delle nostre scelte alimentari sul pianeta, l’ambiente, gli animali, la salute, la bellezza. L’Erbolario, però, non solo ha deciso di affiancare la Lav nella diffusione di questa importante campagna informando il grande pubblico dei suoi consumatori ma ha deciso di partecipare attivamente all’iniziativa organizzando un pranzo per i suoi collaboratori. Oggi, infatti, 200 Colleghi dell’Erbolario, sotto la sapiente regia dello chef Simone Salvini, si sono seduti alla stessa tavola per un pranzo vegan buono per tre volte: per la salute, per gli animali e per l’ambiente.  «Da quando è nata, L’Erbolario si è impegnata nella produzione di cosmetici concepiti nel rispetto della natura e a favore di uno sviluppo sostenibile. Sono tante le attività che abbiamo intrapreso in questa direzione», dice Franco Bergamaschi, co-fondatore de L’Erbolario insieme alla moglie Daniela Villa. «Dal conseguimento delle certificazioni ambientali e biologiche all’utilizzo di energia rinnovabile, dalla tutela della biodiversità all’adesione allo Standard Internazionale del non testato su animali, per dirne solo alcune. Per questo è stata una conseguenza naturale dare il nostro sostegno al MercoledìVeg, che mette in primo piano il contenimento dell’impatto ambientale.» Il MercoledìVeg è un’iniziativa che prevede di evitare di mangiare un giorno alla settimana – il Mercoledì, appunto – alimenti di origine animale, per far bene a se stessi, agli animali e all’ambiente. Se adotteremo, sia nella ristorazione privata, sia in quella collettiva, un menu completamente vegetale un giorno alla settimana realizzeremo un significativo abbattimento delle emissioni di gas serra e dell’impiego delle risorse idriche. Due tematiche molto care anche all’Erbolario, da sempre amico dell’ambiente.  I numeri sono davvero stupefacenti. «Ogni pasto tutto vegetale permette di risparmiare 1656,5 gr di CO2eq e acqua pari a 32 docce rispetto a un menu con carne senza perdere in apporto nutrizionale» -afferma Gianluca Felicetti, Presidente LAV. – «Un anno di MercoledìVeg, dal punto di vista individuale, significherebbe risparmiare ciascuno l’equivalente del consumo di una lampadina accesa ininterrottamente per 277 giorni. Se tutti gli italiani adottassero il MercoledìVeg, in un anno si risparmierebbero:  acqua pari a 3.208.104 piscine olimpioniche ed emissioni di CO2 pari a 180.822 giri intorno all’Italia percorsi con un SUV, oltre alle vite di decine di milioni di animali. Insomma, un minimo sforzo che consentirebbe anche di conoscere le tante alternative alimentari vegetali, gustose e bilanciate per la nostra salute. »

    Già, perché l’alimentazione senza crudeltà, oltre a essere sana, è varia e facile da realizzare. Simone Salvini, Executive Chef di Organic Academy, Accademia di Alta Cucina Vegetariana e Chef del Ristorante Ops! di Roma, dichiara: «Non solo è ricca di nutrimento e di qualità, può essere seguita da tutti, compresi i bambini e le donne in gravidanza. Con un po’ di fantasia permette di scoprire nuove ricette e nuovi sapori. Il segreto è mescolare in modo bilanciato la giusta dose di cereali, legumi e verdure, rispettando sempre la zona di provenienza e la stagionalità degli alimenti. Con un notevole vantaggio per la salute, dal momento che si calcola che una porzione di carne rossa aumenta del 26% il pericolo di diabete e chi ne consuma troppa ha un rischio d’infarto maggiore del 50% rispetto a un vegetariano. Per informazioni basta consultare il sito Cambiamenu dove si possono trovare molti suggerimenti per la preparazione del VegDay.»  MercoledìVeg è un’iniziativa già presente con progetti simili in Europa e nel resto del mondo, come i programmi avanzati negli Stati Uniti dalle scuole di Manhattan e di Baltimora, da trenta università USA e dal Comune di Los Angeles, e il Veggie Thursday in Belgio. In Gran Bretagna diventa sempre più diffuso il MeatFree Monday che vede tra i promotori Paul, Mary e Stella McCartney. «Il nostro progetto, tuttavia, presenta un valore aggiunto perché, escludendo la carne e tutti gli alimenti di origine animale come uova e latticini, vuole diffondere la consapevolezza di quanto il cibo possa essere importante per la sostenibilità e la vita stessa del pianeta e di tutti gli esseri viventi. Può essere anche una buona occasione per avvicinarsi a un nuovo genere di alimentazione antico quanto l’uomo. Anche per questo abbiamo scelto il mercoledì: oltre a non avere alcuna connotazione religiosa (come il venerdì), è a metà settimana e non sa di “rimessa in riga” dopo un weekend di eccessi culinari» conclude Gianluca Felicetti. Infine, dato che una ricerca diffusa durante la Settimana mondiale dell’acqua prevede che entro quarant’anni tutti dovranno passare a un regime vegetariano se vorranno conservare un minimo di indispensabili risorse idriche, tanto vale prepararsi fin d’ora! E imparare a cucinare. Veg, naturalmente.

    Nella foto in alto lo chef Simone Salvini, illustra il menu durante la conferenza stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.