Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

L’Italia perde l’ultima «A»: Dbrs taglia il rating a BBB  – ilsole24ore.com

ilsole24ore.com – LA DECISIONE DELL’AGENZIA CANADESE – L’Italia perde l’ultima «A»: Dbrs taglia il rating a BBB

L’agenzia canadese Dbrs ha tagliato il rating all’Italia da “A-low” a “BBB high” con prospettive stabili. Un declassamento che priva il nostro Paese dell’ultimo giudizio “A”. La decisione ha un impatto sulle garanzie che le banche italiane devono fornire alla Banca centrale europea: questa bocciatura aumenterà la trattenuta (tecnicamente haircut) che la Bce chiederà sui titoli di Stato italiani dati in pegno dalle banche quando chiedono liquidità.

L’Analisi  Riforme, i mercati chiedono sprint non retromarce

Le reagioni del declassamento
L’agenzia – con sede a Toronto e uffici a New York, Chicago e Londra – ha rivisto il suo giudizio per via di «una combinazione di fattori, inclusa l’incertezza rispetto alla abilità politica di sostenere gli sforzi per riforme strutturali e la continua debolezza del sistema bancario, in un periodo di fragilità della crescita». «Dbrs – prosegue la nota – ritiene che, in seguito al referendum bocciato sulle modifiche costituzionali che avrebbe potuto fornire una maggiore stabilità di governo e la successiva dimissioni del primo ministro Renzi, il nuovo governo ad interim può avere meno spazio per passare ulteriori misure, limitando così il rialzo delle prospettive economiche».

L’agenzia canadese dedica un capitolo anche alla situazione del sistema bancario italiano. «Nonostante i recenti piani per il sostegno delle banche – afferma – il livello dei crediti in sofferenza continua a rimanere molto alto, colpendo la capacità del settore bancario di agire come intermediario per il sostegno dell’economia». Poi sempre sugli istituti di credito Dbrs aggiunge: «In questo contesto una crescita lenta ha portato a un persistente ritardo nella riduzione di un debito pubblico molto alto, lasciando il paese molto più esposto a colpi sfavorevoli».

L’Analisi Ecco perché la decisione di Dbrs sul rating è così importante

L’impatto sulle banche
Dbrs era l’unica agenzia (delle quattro monitorate dalla Bce, le altre sono Moody’s, Standard & Poor’s e Fitch) ad avere un giudizio più mite sull’Italia: “A-low”. Con questa bocciatura si va ad aggiungere al giudizio delle altre tre “sorelle” del rating che da diverso tempo hanno fatto scendere l’Italia dal livello “A” in “Serie B”. Il che vuol dire che d’ora in avanti aumenterà la trattenuta che la Bce chiederà su BoT e BTp dati in pegno dalle banche italiane quando chiedono liquidità. Un esempio: con un raring paese “A” la Bce trattiene solo lo 0,5%. Ma con la retrocessione in serie “B” la Bce ne trattiene il 6%. Così, se una banca dà in garanzia un BTp, nel primo caso la trattenuta è al 6%, mentre nel secondo più che raddoppia al 13 per cento.

Fonti Tesoro: no impatti rilevanti su interessi debito
«Questa decisione non avrà impatti rilevanti sulla spesa per interessi sul debito pubblico. Potrebbero esserci degli effetti sui titoli più a breve, ma si potrà dire soltanto nei prossimi mesi». Così fonti del ministero dell’Economia commentano il taglio di rating.

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

 

 

Sorgente: Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *