Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Rai, bocciato il piano di Verdelli per le news – Repubblica.it

Adesso si procederà ad una “rivisitazione” affidata al direttore generale Antonio Campo Dall’Orto. Quattro capisaldi: informazione digitale, informazione di flusso, informazione da parte di tg e reti, informazione per l’estero

ROMA – Addio al piano di riforma del sistema delle news in Rai firmato Carlo Verdelli: è sostanzialmente bocciato, è “accantonato”, come riferito da consiglieri al termine dei lavori. Il piano è naufragato, oggi, al secondo confronto in Cda sull’ipotesi di riforma messa sul tavolo lo scorso dicembre.

La sintesi a Campo Dall’orto. Adesso si procederà ad una “rivisitazione” affidata al direttore generale Antonio Campo Dall’Orto e che sarà fatta sulla base delle indicazioni venute dagli stessi consiglieri nel corso del dibattito, e alla luce anche – “e comunque”, viene sottolineato – del lavoro svolto dal team Verdelli. Ma di sicuro c’è che “quel piano non esiste più, è stato giudicato incompatibile” con quello che invece si vuole in fatto di informazione Rai.

Nessun consenso in Cda. Secondo indiscrezioni, in Cda oggi nessun consenso netto è stato speso per l’ipotesi di piano formulata, si è riproposta quindi una situazione come quella del 22 dicembre, quando lo stesso Verdelli aveva rilevato questa ‘diffidenza’ marcata. E oggi è apparso chiaro che il piano così com’era stato impostato – la creazione di macroregioni e lo spostamento della direzione del Tg2 a Milano sono solo  alcuni esempi delle criticità subito fatte rilevare non appena messo nero su bianco – non aveva alcuna possibilità di passare. E quindi in attesa che arrivi la convenzione Stato-Rai ( si tratta della concessione di servizio pubblico che è scaduta lo scorso maggio e che ora va avanti in prorogatio) si lavorerà in maniera continua per “rivisitare” punto per punto il piano e “riscriverlo”.

Quatttro capisaldi del piano. I capisaldi saranno almeno quattro: informazione digitale. Informazione di flusso. Informazione da parte di tg e reti, con il necessario coordinamento tra essi. Informazione per l’estero, per le comunità italofone. Da tutti i consiglieri la sottolineatura che l’informazione, il sistema news, è centrale per la Rai, e deve avere indici di garanzia assoluta di pluralismo. Nelle prossime settimane il Cda, dove viene espressa volontà per dare corpo a una fortissima innovazione, è chiamato quindi a verificare quali e quante cose si possono fare in tempi brevi, e peraltro capire su quali risorse finanziarie poter contare. In una parola, il piano dev’essere “sostenibile”. Esattamente il contrario di quello finora preso in esame.

Le reazioni. Il consigliere di amministrazione renziano Guelfo Guelfi, smonta la ricostruzione di chi parla di piano accantonato. “Nel cda – afferma – c’è una componente che osteggia il piano verdelli ma la discussione è stata presa in mano dal dg che assume la titolarità dell’argomento e prevede una revisione a partire dalla gerarchia delle forme attuative del piano. Il consigliere Rai Arturo Diaconale presenta un suo contro-piano, mentre  Il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, chiede: “Chi pagherà per la struttura inutile?”.

Sorgente: Rai, bocciato il piano di Verdelli per le news – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *