Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Firenze, esplode ordigno davanti a libreria: artificiere perde un occhio e una mano – Repubblica.it

firenze.repubblica.it – Firenze, esplode ordigno davanti a libreria: artificiere perde un occhio e una mano.

Perquisizioni in area anarchica. Il pacco bomba era stato collocato davanti a un negozio considerato vicino a Casa Pound in via Leonardo da Vinci: aveva un timer ed è esploso quando il tecnico della polizia ha iniziato a esaminarlo. L’agente ha perso una mano e l’uso di un occhio   – di LAURA MONTANARI E LUCA SERRANO’

E’ stato un agente della Digos di pattuglia sul territorio nella notte di Capodanno a Firenze a notare una borsa, di quelle che si usano per la spesa, vicino alla saracinesca di una libreria in una zona residenziale della città. La libreria non è una qualsiasi, ma vicina a Casapound, l’organizzazione di estrema destra. Quella libreria era inserita fra gli obbiettivi sensibili. Subito è scattato l’allarme. Via Leonardo da Vinci è stata chiusa al traffico e sono stati chiamati gli artificieri. Alle 5 del mattino proprio quanto un artificiere è arrivato e aveva cominciato analizzare l’involucro è scoppiata la bomba. C’era un timer collegato all’esplosivo contenuto in pacchetto di carta e plastica.

L’artificierie, 39 anni, residente a Lucca, è rimasto ferito gravemente. E’ stato portato subito in ospedale a Careggi, al Cto, ed è stato tentato un intervento chirurgico, ma nell’esplosione ha perso una mano e l’uso di un occhio. E’ sposato e ha due figlie.

Secondo una prima ricostruzione fatta dalla polizia l’ordigno era collegato al timer con dei fili elettrici e l’esplosione programmata per le 5. L’artificiere si era appena avvicinato e in quell’attimo c’è stata la deflagrazione. La confezione della bomba era artigianale, ma l’esplosione è stata molto forte. S

ul posto è arrivata un’ambulanza. La polizia scientifica ha raccolto i frammenti per analizzarne la composizione. Subito è stata aperta un’inchiesta dalla procura di Firenze e le indagini sono coordinate dal procuratore Giuseppe Creazzo. La pista seguita, sia pure fra mille cautele, è quella anarchica. Sono state fatte perquisizioni a Firenze e più in generale in Toscana.

foto –  Firenze, esplode una bomba davanti a un negozio: ferito un artificiere

La polizia scientifica è intervenuta per rilevare tracce utili a condurre agli autori dell’attentato, al momnento non ci sono state rivendicazioni. La questura comunque non ha dubbi sulla pista su cui indagare: “E’ sicuramente di natura politica in relazione all’obbiettivo e alle caratteristiche del manufatto”.
Molte le manifestazioni di solidarietà espresse all’agente ferito. Il prefetto di Firenze Alessio Giuffrida ha detto che  “fatti così devono ricevere ogni condanna personale e sociale. Grazie al tempestivo intervento delle forze dell’ordine sono state evitate diverse e più gravi conseguenze, ma un artificiere della Polizia di Stato ha messo a repentaglio la propria incolumità per la tutela collettiva.

La mia massima solidarietà e la mia più alta riconoscenza vanno al poliziotto”.  Il prefetto ha sottolineato che i servizi preventivi di controllo e di pattugliamento del territorio recentemente disposti in sede di comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica con il massimo impiego di uomini e mezzi hanno prodotto i loro frutti.

video – Firenze, esplode bomba davanti a una libreria vicina a Casapound …

video – I danni dell’esplosione davanti alla libreria di Casapound

mmediata la reazione del sindaco Dario Nardella: “Condanno duramente quanto avvenuto stamattina a Firenze:  si tratta di un episodio gravissimo e senza alcuna giustificazione. All’agente ferito va la solidarietà mia e dell’intera città. I colpevoli devono essere presto assicurati alla giustizia. Firenze è città di pace e non è rappresentata da orrori di questo genere”. Solidarietà e vicinanza all’agente anche dal questore Alberto Intini: “Si tratta di un episodio molto grave che ha colpito un agente preparato, valido e di esperienza”. Il sindaco ha poi telefonato al capo della Polizia Franco Gabrielli per assicurare la massima collaborazione nelle indagini.

“È un vile atto di violenza che va condannato con fermezza”. E’ il commento del ministro dell’Interno Marco Minniti, che ha espresso “vicinanza e piena solidarietà all’artificiere della Polizia di Stato ferito mentre svolgeva il suo servizio” e al quale ha rivolto auguri di pronta guarigione. “Continueremo a tenere alta la guardia e faremo di tutto per assicurare alla giustizia i responsabili di questo gesto criminale”, ha aggiunto il ministro, che è in stretto contatto con il capo della Polizia, Franco Gabrielli, fin dai primi momenti dopo l’accaduto.

“Ancora una volta – ha proseguito – un rappresentante della Polizia di Stato paga un alto prezzo, rischiando anche la vita, per garantire la sicurezza dei cittadini e ciò a dimostrazione della straordinaria efficienza del sistema di controllo del territorio posto in essere”.

E’ intervenuto anche il fiorentino Riccardo Nencini, segretario nazionale del Psi:”Brutto clima quando si usano le bombe contro obiettivi politici. Non è politica, è terrorismo, e va condannato senza tentennamentì. Sono vicino all’artificiere ferito e alla sua famiglia”.

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi ha chiamato il capo della Polizia Franco Gabrielli per informarsi delle condizioni dell’artificiere rimasto ferito nell’esplosione dell’ordigno, a Firenze, facendogli gli auguri di una pronta guarigione. All’agente e alla sua famiglia ha espresso sentimenti di grande vicinanza e di gratitudine per il lavoro svolto, rischioso e sempre in prima linea, volto a garantire la sicurezza dei cittadini.

Casapound.   “Si tratta del terzo attentato messo a segno nell’ultimo anno contro il Bargello – sottolinea Gianluca Iannone di Casapound – Un attentato con una chiara matrice politica, come hanno sottolineato gli investigatori, che dovrebbe farci riflettere su da che parte stanno la ragione e la giustizia, la voglia di fare politica a viso aperto e di mettersi in gioco in modo franco e trasparente e da che parte c’è invece l’ottusità e la cecità di chi non riuscendo più a esprimere idee è costretto a ricorrere ad aggressioni, assalti alle sedi e pacchi bomba”.

Sorgente: Firenze, esplode ordigno davanti a libreria: artificiere perde un occhio e una mano – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *