Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Milleproroghe, via libera dal governo: salvati precari Pa – Repubblica.it

Il governo completa la squadra con la nomina di sottosegretari e viceministri. Salvati i precari della Pa con la proroga di contratti e graduatorie. Gentiloni: “Priorità a lavoro giovani e Mezzogiorno”. Sul salva-banche: “Attuarlo sarà lungo”. Mediaset: “Vigili, ma no poteri speciali”

.MILANO – Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto “milleproroghe” e completato la squadra di governo con la nomina dei sottosegretari e viceministri. Dopo la riunione dell’esecutivo, il primo ministro Paolo Gentiloni ha dato vita alla consueta conferenza stampa di fine anno, durante la quale ha toccato svariati temi economici: “Abbiamo messo in sicurezza il risparmio con il decreto varato circa una settimana fa la cui attuazione sarà lunga e complicata. Non ce lo nascondiamo, ma abbiamo preso una scelta strategica e fondamentale”, ha rimarcato sul tema bancario a valle del varo del fondo da 20 miliardi. Insistendo sulla necessità di intervenire sul lavoro per i giovani e sul Sud, ha commentato i recenti dati sull’occupazione dicendo: “L’economia è cresciuta, è cresciuto il lavoro stabile, circa 700mila posti in più” ma “nella fascia sotto i 40 anni il lavoro da fare è enorme”. Nel suo discorso ha poi precisato, sulla polemica per l’utilizzo crescente dei voucher, che questi “non sono un virus che crea lavoro nero, non sono la fonte del lavoro nero. Gli abusi vanno corretti ma considerando il tema nella sua dimensione globale”.

Gentiloni: “I voucher non generano il virus del lavoro nero”

La conferenza di Gentiloni. Durante la conferenza, il premier ha affrontato molti temi economici e finanziari caldi in queste settimane. Sulla scalata francese di Vivendi a Mediaset ha spiegato che si tratta di un settore importante, quello dell’informazione, che il governo segue con “vigile attenzione” dal piano politico. Ma non può utilizzare alcun potere speciale per bloccare Vincent Bolloré. Sollecitato dai giornalisti, ha poi ripercorso la vicenda del salvataggio Mps rivendicando la prontezza d’intervento a valle del fallimento del tentativo di mercato e condiviso le critiche che il ministro Padoan ha rivolto alla Bce, dalle colonne del Sole 24 Ore, in merito alla opacità del procedimento con il quale la Vigilanza della Bce ha alzato a 8,8 miliardi la richiesta di capitale aggiuntivo per mettere in sicurezza la banca: “Auspico che ci sia una dialettica feconda con la Bce, se no sarà più difficile” portare a termine il nuovo piano industriale. Ha quindi puntualizzato: “Il fatto che si debbano mettere 6,6 miliardi e non 4.X è oggetto di discussione con la Bce ma non è nulla che metta in qualche modo in discussione la tranquillità, la capienza, la rilevanza del nostro intervento”. E, di nuovo sull’intervento della Vigilanza: “A me ha colpito di avere notizie ‘ex abrupto’, il giorno di Natale. Però sono valutazioni che ha fatto a maggioranza la Vigilanza Bce. Padoan ha sottolineato che siccome sarà un processo che durerà mesi è importante che le valutazioni siano condivise, che ci sia dialogo”.

Il milleproroghe. Sul tavolo dell’esecutivo è piovuto il problema dei 40 mila precari della pubblica amministrazione: dal primo gennaio infatti, a causa di una norma contenuta nel Jobs act, sarà vietato il rinnovo dei contratti a termine e delle collaborazioni con la pubblica amministrazione. Un elemento che ha reso urgente una proroga dei loro contratti chiesta ieri a viva voce dalla Cgil. Il ministro Marianna Madia ha confermato via Twitter che il decreto contempla proprio il salvataggio dei precari e la proroga delle graduatorie dei concorsi

Sempre di un anno è stata infatti estesa la validità delle graduatorie dei concorsi pubblici (4.471 vincitori e 151.378 idonei). Il pacchetto Pa contenuto nel Milleproroghe risponde all’esigenza, più volte manifestata da Madia, di chiudere con “il cattivo reclutamento”, così definito dalla stessa ministra, e avviare, tramite il Testo Unico del lavoro pubblico (in arrivo entro febbraio), una nuova stagione che abbia come pilastri il passaggio dalle piante organiche ai fabbisogni, concorsi a cadenza prestabilita e paletti al precariato. Un primo intervento in questo senso è arrivato con la stabilizzazione delle maestre precarie. Uno sblocco delle assunzioni è anche previsto dalla legge di Bilancio, in particolare nei settori della sanità e delle forze dell’ordine.

Il “milleproroghe” è l’ultimo treno dell’anno, ma anche il primo decretone omnibus del nuovo governo. E oltretutto arriva dopo una legge di Bilancio condotta in porto in tutta fretta, per via della crisi, e che ha così accantonato molti problemi. La vigilia è stata segnata da un clima di classico “assalto alla diligenza”. Oltre al testo del decreto, ecco quali sono i 41 sottosegretari di Stato nominati dal Cdm. Scelte in sostanziale continuità con la ‘squadra’ dei componenti del governo precedente guidato da Matteo Renzi. Non risulta confermato il vice ministro all’Economia, Enrico Zanetti. Ma si è trattato, ha precisato Gentiloni, di una ‘decisione’ presa dallo stesso Zanetti al quale era stato riproposto lo stesso ruolo a dicastero di via XX settembre.

Presidenza del Consiglio: Maria Teresa Amici, Gianclaudio Bressa, Sandro Gozi, Luciano Pizzetti, Angelo Rughetti
Affari esteri e cooperazione internazionale: Vincenzo Amendola, Benedetto Della Vedova, Mario Giro
Interno: Gianpiero Bocci, Filippo Bubbico, Domenico Manzione
Giustizia: Federica Chiavaroli, Cosimo Maria Ferri, Gennaro Migliore
Difesa: Gioacchino Alfano, Domenico Rossi
Economia e finanze: Pier Paolo Baretta, Luigi Casero, Paola De Micheli, Enrico Morando
Sviluppo economico: Teresa Bellanova, Antonio Gentile, Antonello Giacomelli, Ivan Scalfarotto
Politiche agricole, alimentari e forestali: Giuseppe Castiglione, Andrea Olivero
Ambiente e tutela del territorio e del mare: Barbara Degani, Silvia Velo
Infrastrutture e trasporti: Umberto Del Basso De Caro, Riccardo Nencini, Simona Vicari
Lavoro e politiche sociali: Franca Biondelli, Luigi Bobba, Massimo Cassano
Istruzione, università e ricerca: Vito De Filippo, Angela D’Onghia, Gabriele Toccafondi
Beni e attività culturali e turismo: Dorina Bianchi, Ilaria Borletti Buitoni, Antimo Cesaro
Salute: Davide Faraone

Sorgente: Milleproroghe, via libera dal governo: salvati precari Pa – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *