Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

il manifesto del 29.12.2016 e i primi articoli online

Il Segretario di Stato Usa John Kerry contro coloni e destra israeliana: «Gli insediamenti sono il vero ostacolo alla soluzione dei due Stati». Rabbia di Netanyahu. E Trump twitta: «Israele tieni duro, il 20 gennaio si avvicina»

Lavoro

Gli under 35 nella palude del Jobs Act

Roberto Ciccarelli

La prima nota trimestrale mostra, per la seconda metà del 2016, la crescita solo dei contratti precari. I giovani, i più penalizzati. Confermato l’immobilismo delle politiche attive

Europa

Arrestato in Germania presunto complice di Anis Amri

Luca Fazio

Non ci sono quasi più segreti sulla fuga rocambolesca attraverso l’Europa dell’attentatore tunisino ucciso a Sesto San Giovanni. Ad ogni passaggio delle inchieste risulta sempre più chiaro che il terrorista era nel mirino di tutte le polizie coinvolte da circa un anno e mezzo. In Italia, intanto, sono cominciate le prima perquisizioni in non meglio precisati “ambienti islamici radicali”

Dittatori tecnofobici e insetti psichedelici

Chiara Cruciati

Il genere è oggi riscoperto grazie a decine di artisti, pittori, scrittori, registi che dal Golfo all’Egitto intrecciano la realtà attuale con mondi futuristici

VERA RUBIN

La regina della «materia oscura»

Andrea Capocci

Scomparsa l’astronoma che ha «rivoluzionato» con i suoi studi alcune tesi sul funzionamento dell’Universo. Le sue teorie sono state accompagnate da diffidenza per poi diventare una stella polare per la cosmologia. È stata una delle prime donne ad entrare in laboratori rigorosamente riservati a maschi

L’Ultima

Le Dick, Kerr’s Ladies. Il mito proibito

Paolo Bruschi

Durante la Grande guerra le lavoratrici di una fabbrica misero su la squadra di calcio femminile più acclamata del Regno Unito. Troppo. Tanto che la Federazione emise un bando per fermarle. Inutile però

Sorgente: il manifesto del 29.12.2016 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *