Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Sala: “Ora ci sono le condizioni per lavorare. Pronto ad andare in Procura” – Repubblica.it

Il sindaco ha fatto le sue comunicazioni in Consiglio comunale dove si è subito aperto il dibattito. “Le istituzioni debbono dialogare con

rispetto, al netto del fatto che dove ci sono ruberie e mala gestione bisogna intervenire”

di ORIANA LISO

E’ durato pochi minuti – una decina in tutto – l’intervento di Sala in Consiglio comunale dopo la decisione di autosospendersi cinque giorni fa. “E’ evidente che di fronte a tali decisioni della procura – ha detto Sala – non ho potuto che esserne sorpreso, perché come voi avevo letto di una richiesta di archiviazione dopo lunghe indagini. La mia reazione è consistita nel rendere noto che non mi sarei sentito in condizioni di continuare a svolgere il mio compito fino a quando non fossero stati chiariti i contorni della vicenda”.

“La verifica del mio legale – ha continuato Sala – mi ha consentito quindi di valutare con maggiore cognizione di causa la situazione. Ho verificato l’esistenza delle condizioni necessarie a riprendere il mio lavoro. Non posso considerare normale il fatto che io venga messo al corrente di questa inchiesta dai giornalisti, che si trovano ad essere in possesso degli atti prima degli indagati. Le istituzioni debbono dialogare con rispetto, al netto del fatto che dove ci sono ruberie e mala gestione bisogna intervenire”.

L’INTERVISTAL’AGENDAL’ANNUNCIOLE ACCUSE

“Quando la procura generale lo vorrà – ha concluso – mi sento pronto a chiarire ogni aspetto. La politica deve essere messa in buone mani: per questo sono benvenuti tutti i controlli di legalità. Per fare il sindaco ci vuole serenità, siamo esseri umani e non macchine e non possiamo passare la giornata a rispondere ai giornalisti. Lavorerò con più impegno di prima, convinto che i valori di legalità e giustizia sono fondamentali. Quando verrò convocato risponderò alla procura generale sul fatto specifico. Nessuno di voi può immaginare cosa vuol dire combattere per cinque anni per Expo. Il tempo è galantuomo e sono convinto che nel mio caso lo sarà”.

Subito dopo l’intervento di Sala si è aperto il dibattito. La seduta del Consiglio comunale si era aperta con un minuto di silenzio per le vittime della strage di Berlino. L’aula di palazzo Marino ha espresso, per voce del presidente Lamberto Bertolè, cordoglio “alla città di Berlino, al popolo tedesco” e vicinanza ai familiari della ragazza italiana dispersa”. In aula erano presenti 41 consiglieri.

Tra i primi ad intervenire Stefano Parisi, l’avversario di Sala al ballottaggio. “Bisogna fare chiarezza – ha affermato Parisi –  su diversi aspetti aperti di Expo”. Chiarezza che è “un dovere del sindaco e una richiesta forte del consiglio comunale”. “Mi auguro che si possa arrivare il prima possibile a tutti i chiarimenti che servirebbero – ha detto Parisi – e ad escludere qualsiasi problema riguardo a Expo. E’ una esigenza di tutti, avere maggiore serenità: serve una grande trasparenza e un chiaro ruolo del consiglio comunale”.

Sorgente: Sala: “Ora ci sono le condizioni per lavorare. Pronto ad andare in Procura” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *