Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Berlino, italiana sopravvissuta: “Tanti cadaveri attorno a me”

Avere oggi mio marito ancora vicino a me, vivo, è stato il più bel regalo di anniversario delle nozze che potessi avere. Lunedì sera ci trovavamo proprio al mercatino di Natale a Berlino per mangiare il cibo tipico tedesco. All’improvviso abbiamo visto questo tir che è arrivato a grande velocità, io ero girata sul gradino e mi sono salvata, mentre mio marito Giuseppe è stato travolto ed è caduto a terra. Quando mi sono girata aveva il viso completamente pieno di sangue. Attorno a noi c’erano tanti cadaveri. E molti feriti che piangevano e gridavano. E’ stato terribile”. Elisabetta Ragno ha ancora la voce che trema. La donna, 35enne di Milazzo, si trovava a Berlino con il marito Giuseppe la notte dell’attentato per festeggiare il primo anniversario di nozze. Il marito ha riportato gravi ferite sul viso e sul mento ma se l’è cavata con una trentina di punti. “Forse domani dovrà farsi operare – dice la donna all’Adnkronos – Ma ringrazio Dio che sia ancora vivo. E’ un miracolo”.”Ho capito subito che non si trattava di un incidente ma di un attacco – spiega Elisabetta che tutti chiamano Betta – Perché il tir continuava la sua folle corsa. Il tutto è durato circa trenta secondi ma sembravano una eternità. Sono ancora sotto choc, ma felice di essere viva. Il tir ha fermato la sua corsa solo per la presenza delle bancarelle, altrimenti avrebbe continuato. Andava a velocità altissima. Mio marito è finito a terra e io l’ho subito soccorso. C’era un paramedico che ci ha aiutati e ci ha portati in un ristorante, per il primo soccorso. Poi ci ha accompagnati in ospedale. Era una maschera di sangue”.”Ammetto che per la paura siamo scappati via subito – dice ancora la 35enne – Non ci siamo fermati a soccorrere nessuno, mi dispiace, ma avevo troppa paura. Ero paralizzata dalla paura che il tir potesse esplodere. Oggi dico che mi dispiace tantissimo, ma vedevo mio marito pieno di sangue ed ero terrorizzata. C’erano cadaveri ovunque, gente ferita che gridava e che chiedeva aiuto. E’ stato orribile. La ragazza che stava davanti a me è morta, l’ho vista a terra esanime. E’ tutto una follia. Io ancora non riesco a credere a quello che è accaduto”. “Siamo dei miracolati – ripete come una nenia – sono felicissima di essere viva, con mio marito”.

Sorgente: Berlino, italiana sopravvissuta: “Tanti cadaveri attorno a me”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *