Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Direzione Pd, la minoranza: “Sì a Gentiloni, ma mani libere su norme che non condividiamo” – Repubblica.it

Nel pieno delle consultazioni, i dem si riuniscono per condividere il sostegno al nuovo esecutivo. Duro il bersaniano Speranza: “Serve cambio di rotta. Renzi ci dica se c’é spazioper chi ha votato No”.

di MONICA RUBINO

ROMA – Mentre alla Camera sono in corso le consultazioni del premier incaricato Paolo Gentiloni per chiudere velocemente la lista dei ministri, al Nazareno si svolge la direzione Pd, dove è presente anche il segretario Matteo Renzi. Tocca però al presidente Matteo Orfini tracciare la road map del partito: voto sul governo, poi assemblea nazionale domenica prossima (il 18), legge elettorale. Infine il congresso, che non dovrà trasformarsi in una resa dei conti, ma indicare una linea. Che, per la minoranza dem, deve essere in discontinuità con le politiche condotte fin qui: “Serve un cambio di rotta o si muore”.

Mandato sul governo. L’analisi del voto del 4 dicembre è rimandata a una prossima direzione. Scopo più urgente della riunione di oggi è votare sulla fiducia a Gentiloni: “Serve un mandato sul governo entro le 13.45, alle 14 la nostra delegazione sarà ricevuta dal premier incaricato”, ha subito chiarito il presidente del partito Matteo Orfini aprendo la direzione e annunciando il voto sulla relazione del vicesegretario Lorenzo Guerini, sull’appoggio “pieno, forte e leale del Pd” al nuovo esecutivo.

I paletti della minoranza. Ma la minoranza del partito, pur annunciando il sì alla fiducia al nuovo governo per “senso di responsabilità” pone alcuni paletti: “Ci riserviamo di votare contro eventuali provvedimenti che non condividiamo”. Il bersaniano Roberto Speranza chiarisce: “Serve un cambio di rotta nelle politiche. Così la sinistra non ha senso, noi non siamo più noi stessi e il Pd è destinato a morire”. E conclude, provocando un brusio di disappunto della platea: “Se non c’è spazio per chi ha votato No al referendum lo si dica con chiarezza” senza ricorrere “a insulti organizzati su internet o a manifestazioni sotto al Pd”.

Sorgente: Direzione Pd, la minoranza: “Sì a Gentiloni, ma mani libere su norme che non condividiamo” – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *