Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Governo, Mattarella convoca Gentiloni: il ministro degli Esteri alle 12.30 al Colle – La Stampa

«Il nostro Paese ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni» aveva detto ieri il Presidente al termine delle consultazioni

Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha convocato per le ore 12.30 di oggi, al Quirinale, Paolo Gentiloni. L’annuncio, che tutti aspettavano è arrivato da un comunicato della presidenza della Repubblica. «Il nostro Paese ha bisogno in tempi brevi di un governo nella pienezza delle sue funzioni – aveva detto ieri il Presidente al termine delle consultazioni-. Vi sono di fronte a noi adempimenti, impegni, scadenze che vanno affrontati e rispettati. Si tratta di adempimenti e scadenze interni, europee e internazionale».

 

LEGGI ANCHE Paolo il freddo. L’ascesa del super-renziano

La gran parte dei principali partiti, dal Pd al M5S a Forza Italia, ha espresso la volontà di arrivare presto al voto. Ma le posizioni sono diverse tra loro e potrebbero dunque portare a un nuovo governo di scopo per arrivare alla riforma della legge elettorale e andare al voto già nel 2017.

 

LEGGI ANCHE L’ultimo giorno di consultazioni

 

Negli incontri in il capo dello Stato ha registrato «con attenzione e rispetto» le valutazioni di tutti i gruppi, a cominciare dai “big” arrivati nel pomeriggio al Colle. Il Pd a ha chiuso le consultazioni. E la delegazione Dem ha scelto di non fornire alcuna rosa di nomi, registrando «il largo rifiuto» dei partiti a un governo di responsabilità nazionale e assicurando al tempo stesso «il pieno sostegno alla soluzione che Mattarella riterrà più opportuna». Con un punto che il capogruppo Pd Luigi Zanda ha sottolineato: l’obiettivo di «andare al voto in tempi il più rapidi possibili».

 

Un obiettivo che Mattarella tuttavia non ha citato nella sua dichiarazione. Citando, invece, l’esigenza di «armonizzare» i sistemi elettorali di Camera e Senato, ovvero di mettere mano ad una legge ex novo indipendentemente dalla decisione della Consulta sull’Italicum. Passaggio, questo, pienamente condiviso da Silvio Berlusconi. «L’unica strada possibile è l’approvazione in tempi rapidi di una nuova legge elettorale condivisa per poi consentire agli italiani di esprimersi con il voto», spiega il leader FI dopo aver incontrato Mattarella. Al quale conferma di essere non essere disposto a un governo di larghe intese. «Tocca al Pd sostenere un governo per la parte restante della legislatura», spiega l’ex premier replicando anche a chi, come il leader di Ncd Angelino Alfano, in mattinata ribadisce la sua preferenza a un governo di responsabilità (e con la partecipazione di FI) in alternativa a un Renzi-bis.

 

LEGGI ANCHE Matteo Renzi su Facebook: “Mille giorni fantastici”

 

Larghe intese che non avrebbero mai visto in campo né M5S né la Lega, né Fdi. E le parole di Mattarella, in serata, hanno incendiato le opposizioni. «Un governo calato dall’alto non ha legittimazione, si vada al voto subito dopo la decisione della Consulta», è la posizione che il M5S ribadisce al capo dello Stato. Puntando, ancora una volta, sull’unica legge elettorale che il Movimento considera percorribile: l’Italicum rivisto dalla Consulta. Così non sarà. E il M5S, in un’assemblea congiunta convocata dopo le consultazioni, dice sì alla mobilitazione in piazza minacciando anche l’Aventino al momento della fiducia al nuovo governo. «Si sente puzza di marcio, il quarto presidente del consiglio non eletto sarebbe una vergogna», incalza Matteo Salvini. Mentre si preannuncia il suo niet a un governo Gentiloni: «serve discontinuità». Un concetto che anche la minoranza Pd sottolinea: «Se si fa finta di non vedere la lezione arrivata dal voto ci si sconnette dal popolo Dem».

 

LEGGI ANCHE I 5 Stelle pronti alle dimissioni di massa

 

Chi assicura il suo ok ad un esecutivo è Denis Verdini che con Ala-Sc ribadisce l’esigenza di mettere mano alla legge elettorale. Sarà su questo punto che la maggioranza dovrà cimentarsi cercando di aprire un non facile canale di dialogo con le opposizioni, a cominciare da FI. «Il clima sia dialettico ma anche costruttivo», è l’auspicio che Mattarella, guardando anche al dibattito sulla legge elettorale, indirizza ai partiti.

 

Sorgente: Governo, Mattarella convoca Gentiloni: il ministro degli Esteri alle 12.30 al Colle – La Stampa

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *