Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Spia turca a Brema pianificava l’omicidio di due curdi: Rapporto – UIKI ONLUS

Sorgente: Spia turca a Brema pianificava l’omicidio di due curdi: Rapporto – UIKI ONLUS

Due importanti emittenti venerdì hanno riferito che un uomo ritenuto un agente turco, spiava due funzionari curdi e pianificava di assassinarli.

Le emittenti NDR e WDR hanno riferito che l’ufficio statale del procuratore di Brema ha avviato un’indagine, di cui un testimone riferisce che ha a che fare con un agente turco che cospirava per uccidere due persone attive nella comunità curda all’esterno della Turchia.

L’ufficio di Brema ha poi rinviato il caso ai procuratori federali a Karlsruhe
Secondo informazioni ottenute dalle emittenti, le autorità di Karlsruhe conoscono il caso, ma stanno indagando solo per sospetti di spionaggio.

L’indagine è iniziata con una dichiarazione anonima di una donna a un quotidiano vicino al Partito del Lavoratori del Kurdistan (PKK), che in Germania è vietato. Ha detto di sapere di agente turco che a Brema si era spacciato per giornalista per due anni. Aveva fatto interviste a funzionari curdi per poterli spiare.

È stata in grado di corroborare il suo racconto con numerosi documenti, comprese fotografie, copie di passaporti e registrazioni. La donna ha portato questi materiali sia alla polizia che alle emittenti.

Ha anche riferito che c’era un complotto omicida nel quale erano coinvolti altri due agenti. Gli investigatori stanno accertando se la testimonianza della donna sia affidabile.

Non è chiaro dove si trovi ora la presunta spia turca.

Secondo l’avvocato della donna, lei attualmente vive in una località segreta. È stata interrogata dall’Ufficio Federale della Polizia Criminale ed è sotto la protezione della polizia.

Il caso viene esaminato anche nel comitato per gli affari interni del Parlamento tedesco (Bundestag) e preso dovrebbe essere discusso nel comitato di controllo parlamentare.

Uno dei presunti obiettivi era Yüksel Koc, che vive a Bremen ed è attivo in diverse associazioni curde. Il secondo era Remzi Kartal, che vive a Bruxelles ed è il Presidente dell’organizzazione curda Kongra-Gel.

NDR e WDR hanno riferito che i due uomini in un’intervista sono sembrati scioccati dal presunto complotto, ma che lo hanno trovato credibile. Lo scorso anno avevano iniziato a ricevere messaggi con minacce di morte.

E dopo che la donna ha parlato, hanno ricevuto un messaggio che affermava: “Devi essere contento che questa puttana ti ha detto tutto questo … Sarai sempre il nostro obiettivo fino a quando non sarai morto.”

Poco dopo il fallito golpe in Turchia a luglio, un esperto di intelligence ha riferito a The Local che Ankara ha in Germania un numero di informatori stimato in 6000, che hanno fatto pressine su curdi e altri percepiti come oppositori del governo.

“Il conflitto interno della Turchia tra … curdi e turchi è stato portato in Germania e sta avendo un impatto sulla pace interna,” ha detto a The Local l’esperto Erich Schmidt-Eenboom in agosto.

Schmidt-Eenboom ha detto anche che la Germania deve rivalutare le sue relazioni con l’agenzia dei servizi segreti turchi, MIT.

Quando tre attiviste del PKK sono state assassinate a Parigi nel 2013, sono stati sollevati sospetti su un coinvolgimento del MIT. The Times a settembre ha riferito che il MIT ha assassinato un dissidente a Londra nel 1994.

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *