Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

il manifesto del 27.11.2016 e i primi articoli online

Una marea umana, con donne, ma anche uomini, vecchie e nuove generazioni. Un immenso corteo contro la violenza patriarcale invade le strade di Roma e chiede soldi, strutture e leggi. Un grande evento che la tv non ha visto

Oggi in piazza a Roma C’è chi dice No alla riforma costituzionale di Renzi

Roberto Ciccarelli

Oggi in piazza a Roma i movimenti sociali (dai No Tav ai No Triv), molte reti di movimento, associazioni, studenti per il “No” al referendum costituzionale del 4 dicembre. Le ragioni del “No sociale” e “costituente” contro la riforma Renzi-Boschi della Costituzione e il colpo di stato delle banche e dei governi che ha introdotto un regime di stato di eccezione in Europa e nel nostro paese. In serata concerto a piazza del Popolo con, tra gli altri, 99 Posse, E’Zezi, Assalti Frontali, Daniele Sepe

Fidel non fece mai ricorso alla menzogna

Giuseppe Cassini

Sul piatto vanno messi i tentativi di Fidel di trovare un’intesa con Washington ogni volta che alla Casa Bianca entrava un presidente meno ostile: se nel 1980 Carter avesse vinto un secondo mandato, i rapporti con Cuba si sarebbero normalizzati trent’anni fa

Hollywood e le armate rivoluzionarie

Giulia D’Agnolo Vallan

Così la mecca del cinema ha messo in scena le atmosfere del grande gelo fra Cuba e Stati uniti. Da Richard Lester a Oliver Stone passando per Francis Ford Coppola

La passione del comandante

Nicola Sellitti

Castro amava il baseball e non solo perché il figlio Tony per anni era stato il medico sociale della nazionale caraibica. Fidel era stato anche un lanciatore mancino. Il calcio lo aveva riabilitato negli ultimi anni, grazie all’amicizia con Maradona

Europa

Destra: ballottaggio tra conservazione e reazione

Anna Maria Merlo

Juppé e Fillon si contendono la candidatura per le presidenziali di primavera. Entrambi liberisti, divergono solo sull’intensità della purga sociale. Differenze chiare invece sulla visione della società, “multiculturale” per Juppé, con “radici cristiane” per Fillon. I dubbi degli elettori di sinistra

Visioni

Italia distratta, Tonga la punisce: 17-19

Peter Freeman

Non basta il mestiere e i favori del pronostico, gli azzurri sono rimasti con la testa a Firenze per lo storico successo sugli Springboks. Così i tongani ne hanno approfittato sbancando l’Euganeo di Padova

Esercizi di esitazione su scelte obbligate

Fabio Pedone

Animati da una ironica combinatoria narrativa, i contes philosophiques di Gonçalo M. Tavares inseguono tanto l’esattezza quanto il suo sabotaggio: «Matteo ha perso il lavoro», da Nottetempo

Valentin, un caravaggesco romantico al Met

Claudio Gulli

Fra i primi seguaci della lezione caravaggesca a Roma, Valentin de Boulogne ne dà una versione più dolce, quasi romantica. Christiansen e Lemoine , per la prima volta, lo presentano in una monografica, al Metropolitan Museum

Art Spiegelman, la resa dei conti

Andrea Colombo

In «MetaMaus», tradotto da Einaudi, il dietro-le-quinte dell’ormai celebre fumetto del disegnatore ebreo-americano diventa forma radicale di autocoscienza

Sant’Elia, modernità come totem

Maria Manuela Leoni

Alla Triennale di Milano si celebra l’architetto visionario futurista di primo Novecento: un focusè dedicato alle realizzazioni contemporanee ispirate ai suoi disegni

Rubens, gli anni italiani

Massimo Romeri

Dalla statuaria antica a Mantegna a Correggio, Peter Paul Rubens utilizzò l’arte vista in Italia come un repertorio da combinare e insieme sciogliere nel suo personale verbo «barocco». I confronti proposti non sempre focalizzano bene

Sorgente: il manifesto del 27.11.2016 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *