Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Si fanno un selfie dopo la rapina: arrestati-(non è lercio)

Roma, 25 nov. (askanews) – È stato il doppio taglio dei capelli a permettere alla Polizia di Stato di rintracciare i due giovani nel rione Monti: avevano appena rubato lo smartphone ad un ragazzo. La vittima del furto, mentre mandava un sms passeggiando per via Baccina, è stato avvicinato da due ventenni che gli chiedevano “da accendere”; quando si è distratto per cercare l’accendino, gli hanno sfilato il cellulare per poi fuggire. Il derubato ha provato a bloccare almeno uno dei due, che ha reagito sferrandogli un pugno alla gola. I due si sono definitivamente allontanati ed alla vittima non è rimasto che rivolgersi alla Polizia di Stato. Gli agenti del commissariato Trevi, presso il quale è stata sporta la denuncia, hanno diramato le descrizioni alle pattuglie sul territorio e, dopo pochi minuti, un equipaggio ha notato due ragazzi, entrambi con i capelli “a doppio taglio” -così come descritti in denuncia- che andavano a piedi verso la stazione Termini giocando con un telefonino. I poliziotti notavano fin da subito che il cellulare con cui stavano giocando era dello stesso modello di quello rubato. La conferma è venuta, oltre dal numero seriale, anche dalle foto memorizzate, tra le quali gli investigatori hanno trovato un selfie che i due si erano fatti subito dopo la rapina. I.A.S.D. e P.L., queste le iniziali dei due ventenni, il primo originario della Romania, l’altro nato e cresciuto nella capitale, sono stati condotti in commissariato; al termine degli accertamenti sulle loro identità, è emerso che I.A.S.D. era sottoposto ad una misura cautelare e non poteva allontanarsi dal comune di Fiumicino. Entrambi sono stati arrestati con l’accusa di rapina in concorso; il cellulare è stato riconsegnato alla vittima che nel frattempo era al pronto soccorso per farsi medicare. Red/Rus

Sorgente: Si fanno un selfie dopo la rapina: arrestati

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *