Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Parlamento – La lunga notte della manovra: cos’è davvero la ‘norma De Luca’ e chi riguarda | l’Unità TV

unita.tv – La lunga notte della manovra: cos’è davvero la ‘norma De Luca’ e chi riguarda. Nella notte approvate diverse modifiche importanti fra le quali l’estensione della platea di esodati e delle donne lavoratrici in pensione anticipata  

Giornata di tensione in Commissione bilancio: sotto la lente d’ingrandimento la cosiddetta ‘norma De Luca‘, che tanto ha fatto indispettire le opposizioni.

Di cosa si tratta? La Commissione ha approvato l’emendamento che consente ai presidenti di Regione di diventare anche commissari per la sanità.

Per evitare che controllore e controllato coincidano, si è deciso di integrare l’emendamento con una riformulazione che prevede che ci siano verifiche ogni 6 mesi da parte del tavolo di monitoraggio dei piani di rientro e del comitato Lea.

La norma, com’è ovvio, non riguarderà soltanto il governatore De Luca, come spiega Assunta Tartaglione del Pd, prima firmataria dell’emendamento: “E’ errato parlare di emendamento ‘ad personam’ perché riguarda tutte le Regioni in Italia sottoposte a procedure di commissariamento per il rientro dal deficit accumulato in materia sanitaria”.

Dello stesso parere anche il collega Tino Iannuzzi che parla di “superficialità da parte di chi non ha colto la portata innovativa della proposta” e anzi rilancia: “Chi cerca per l’ennesima volta di fare demagogia e polemiche infondate dovrebbe, invece, prendere esempio dal Partito Democratico per operare a favore delle comunità e del Paese”.

Il via libera è arrivato dopo un’accesa discussione: il M5s aveva chiesto il voto palese, ma il Presidente della commissione Francesco Boccia non lo ha concesso, richiamando il regolamento e i precedenti.

“Il regolamento è chiaro – puntualizza in un comunicato – e gli uffici, come sempre garanti dell’applicazione delle regole, hanno confermato che non esiste nessun caso della storia della Camera in cui in sede referente in commissione Bilancio sia stato fatto un voto per appello nominale che viceversa avviene solo in sede legislativa. Il voto è stato chiaro e la maggioranza si è assunta la responsabilità politica della scelta”.

Ma questa norma non è certo l’unica ad essere stata approvata nella lunga maratona notturna e che sta continuando anche in queste ore. I lavori procedono a oltranza, con l’obiettivo di licenziare il testo nel primo pomeriggio e consentire di rispettare i tempi per l’Aula, dove il provvedimento è atteso venerdì.

Nella notte approvate diverse modifiche: tra le altre, la proposta che estende la pensione alle lavoratrici nate nei mesi di ottobre, novembre e dicembre del 1958 (e alle autonome nate nell’ultimo trimestre del 1957) che hanno maturato 35 anni di anzianità entro il 31 dicembre del 2015, stanziando altri 257 milioni.

Più ampia anche la platea degli esodati, che passa con l’ottava salvaguardia da 27.700 a 30.700, portando il totale dei salvaguardati a 160.700 persone.

Cancellata anche la tassa sui licenziamenti nel caso di cambio appalto con l’utilizzo della clausola sociale. Cambiano anche le finalità del nuovo fondo sviluppo e infrastrutture, che sarà dedicato anche alla mobilità sostenibile, alla sicurezza stradale, a bonifiche e risanamento ambientale e alle periferie. Alla riqualificazione delle aree periferiche si potranno destinare anche risorse a valere sui fondi europei per il 2014-2020.

Più risorse anche per lo sviluppo del sistema nazionale delle ciclovie turistiche (13 milioni nel 2017, 30 nel 2018 e 40 dal 2019 al 2024). Confermata, invece, la norma sui ‘paperoni, con la flat tax a che resta a 100mila euro.

video – Quando Forza Italia diceva: “Questa riforma è merito nostro”

Breve spiegone sugli stipendi dei parlamentari

 

Sorgente: Parlamento – La lunga notte della manovra: cos’è davvero la ‘norma De Luca’ e chi riguarda | l’Unità TV

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *