Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Bayik: Il PKK non consentirà mai in Turchia l’istituzionalizzazione del fascismo di Erdogan-MHP – UIKI ONLUS

Bayik: Il PKK non consentirà mai in Turchia l’istituzionalizzazione del fascismo di Erdogan-MHP

Sorgente: Bayik: Il PKK non consentirà mai in Turchia l’istituzionalizzazione del fascismo di Erdogan-MHP – UIKI ONLUS

Il co-presidente del Consiglio Direttivo dell’Unione delle Comunità del Kurdistan (KCK) l’organizzazione di protezione del movimento curdo, Cemil Bayik, ha parlato all’ANF dei recenti sviluppi in Turchia, dell’alleanza tra AKP e MHP, dell’arresto dei parlamentari dell’HDP, come così come di una possibile operazione transfrontaliera contro il PKK.

Bayik ha detto che un’ondata di fascismo si sta diffondendo attraverso la Turchia e che l’arresto dei parlamentari del Partito Democratico Popolare (HDP) lo prova.

Stanno unendo il nazionalismo con la religione

“Erdogan e Devlet Bahceli [leader nazionalista dell’MHP] si sono uniti in Turchia e stanno cercando di istituzionalizzare il fascismo. Per fare questo stanno cercando di rimuovere tutti gli ostacoli sulla loro strada.

“Se imprigionano i parlamentari dell’HDP, bloccano la sede dell’HDP per evitare che sia operativa, imprigionano i membri dell’HDP, si appropriano dei comuni in Kurdistan tramite la nomina di custodi, distruggono le città, fanno sfollare centinaia di migliaia di persone, abusano di curdi, democratici e intellettuali, torturano i detenuti, giustiziano prigionieri di guerra, li legano alla parte posteriore dei veicoli e trascinano i loro cadaveri, espongono i corpi nudi delle donne morte, fanno sì che gli animali decimino i cadaveri di persone che loro hanno ucciso, è perché vogliono istituzionalizzare il fascismo.

“Per raggiungere questo obiettivo hanno bisogno di mettere a tacere i media, gli intellettuali e gli artisti. Questo è il motivo per cui hanno chiuso i media dell’opposizione e hanno imprigionato i giornalisti. Vogliono imporre la loro propaganda e fare in modo che la gente creda in loro. Uniscono il nazionalismo e la religione per formare le basi sociali per il fascismo. Tutti hanno bisogno di essere consapevoli di tutto questo.”

Vogliono prendere tutti in ostaggio

Bayik ha continuato a sostenere che il governo ed i suoi alleati sono in realtà deboli e per questo motivo ricorrono a queste politiche.

“Stanno praticando una intensa guerra psicologica. Sono molto deboli; è per questo che stanno chiudendo le associazioni, gli organi dei media e i partiti e cercano di mettere tutti a tacere. Se fossero forti non lo farebbero. “

Scontri tra curdi provocati

Bayik ha anche sottolineato che il governo e l’MHP stavano cercando di far avanzare i sistemi delle guardie di villaggio e di vigilanza nella regione curda della Turchia per poter rafforzare quello che hanno definito “un tradimento”.

“Vogliono organizzare una forza traditrice in collaborazione con loro e far in modo che attacchi i curdi. In questo modo si vuole trasformare la questione curda in una questione tra curdi piuttosto che un problema tra curdi e Stato.”

Una lotta alternativa deve essere sviluppata

Il co-presidente del KCK ha detto che il regime in Turchia crollerebbe se i settori progressisti della società si riunissero.

“I giovani e le donne in particolare hanno un ruolo importante; lo stesso dicasi per intellettuali, artisti, scrittori, accademici, giornalisti e operatori. Gli alawiti, i diversi gruppi nazionali e culturali e anche i sunniti democratici. Tutti coloro che sono preoccupati per questo regime hanno bisogno di riunirsi e formare un’alleanza. Se lo facessero, questo regime crollererebbe. Questo regime non ha alcun sostegno internazionale; il suo sostegno è internamente debole. Stanno cercando di ritrarre se stessi come se avessero un sacco di sostegno, ma non è così.

“Hanno paura di perdere il potere, di essere imprigionati e processati; è per questo che ricorrono a tali azioni. Erdogan vuole trasformare l’AKP nella parte fondante del nuovo regime con se stesso a capo. Questo significherà la soppressione, la prigionia, la tortura e l’oltraggio per tutti i popoli e le religioni. Questo è il motivo per cui tutti i circoli che sono contro l’istituzionalizzazione del fascismo fondato sull’unificazione del nazionalismo e della religione devono costruire una lotta alternativa.

Lo stato di emergenza non ha alcuna legittimità

Bayik ha anche commentato la norma dello stato di emergenza in Turchia e ha detto che viene usato come arma contro le persone.

“Il governo ha utilizzato il tentativo di colpo di stato del 15 luglio come opportunità per dichiarare lo stato di emergenza. Lo hanno fatto per aggiungere legittimità alle politiche che stavano andando a implementare. Erdogan ha usato come arma la legge dello stato di emergenza. In questo modo sta cercando di ingannare le forze internazionali e interne. Lo stato di emergenza non ha alcuna legittimità.”

I curdi non saluteranno l’esercito turco con i fiori

Bayik ha anche toccato delle recenti dichiarazioni di ufficiali turchi che alludono ad una operazione su aree detenute dal PKK nella regione del Kurdistan (KRG), sottolineando che Erdogan non sarebbe in grado di sconfiggere il PKK, nonostante il supporto probabile che avrebbe ricevuto.

“Erdogan dice che sradicherà il PKK. Con questo sta cercando di rafforzare in Turchia il nazionalismo, lo sciovinismo e il fascismo. Vuole il genocidio dei curdi. Vuole eliminare i circoli laici, socialisti e democratici al fine di costruire un regime fondato sul nazionalismo e la religione. Questo è il motivo per cui Erdogan sta cercando di demonizzare il PKK e i curdi agli occhi della società turca e della comunità internazionale.

“E’ ovvio che vuole sradicare il PKK; sa che è l’unico modo per perpetrare un genocidio curdo e istituzionalizzare il proprio regime fascista. Considera il PKK un ostacolo importante per questo obiettivo e attacca con grande rabbia il PKK e chiunque sia ad esso legato. Tuttavia, Erdogan andrà soltanto verso la propria caduta in questo modo, proprio come ha fatto Hitler.

“Non potrà mai sradicare il PKK. Non è abbastanza forte per farlo, anche se usa tutti i mezzi statali e riceve il sostegno di alcune forze internazionali e regionali, e anche da alcuni curdi. Il PKK è un movimento supportato e formato da milioni di persone. Non è costituito da un piccolo gruppo isolato, né è solo un piccolo movimento di guerriglia. Il PKK ha un posto nei cuori e nelle menti delle persone curde, di democratici, patrioti e socialisti. Il PKK è la speranza degli oppressi, di tutti gli oppressi anche al di fuori della Turchia. Se Erdogan vuole sradicare il PKK, avrà bisogno di massacrare tutti i curdi, tutti gli oppressi, tutti gli intellettuali, i democratici, gli scrittori e gli artisti che con esso simpatizzano.

“Loro [i funzionari turchi] hanno recentemente parlato di condurre un’operazione su Qandil (base PKK). Lasciateli venire, se riescono. Il popolo curdo non li saluterà con i fiori. La Turchia sperimenterà probabilmente la più grande sconfitta della sua storia.”

Il PKK non potrà mai consentire che il fascismo sia istituzionalizzato in Turchia

Il co-presidente del Consiglio esecutivo del KCK, Cemil Bayik, ha concluso l’intervista dicendo che non vi può essere democrazia, libertà o giustizia o un futuro sicuro in Turchia a meno che l’AKP e l’MHP siano eliminati.

“Se la gente vuole garantire il proprio futuro, dovrebbe lottare contro il fascismo di Erdogan-Bahceli. Il PKK non potrà mai consentire che il fascismo sia istituzionalizzato in Turchia. Il PKK non si limita a lottare per se stesso e i curdi, ma piuttosto per l’umanità, la democrazia e la giustizia. Si tratta di una lotta per tutti e ci sarà una vittoria definitiva se verrà sostenuta da tutti.”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *