Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Gruppo Parlamentare delle donne HDP: Resisteremo contro le vostre leggi dello stupro – UIKI ONLUS

Sorgente: Gruppo Parlamentare delle donne HDP: Resisteremo contro le vostre leggi dello stupro – UIKI ONLUS

“Siamo ben consapevoli di questi giochi che legittimano gli stupratori e portano per sempre l’oscurità nella vita delle donne … Dal passato al presente abbiamo denunciato i vostri strategemmi e sconfitto vostre leggi di “sposta il tuo stupratore”; non dubitate che oggi faremo lo stesso!”

Il gruppo parlamentare delle donne del Partito Democratico dei Popoli (HDP) ha rilasciato una dichiarazione che condanna la legge che porta l’amnistia agli autori di abusi su bambini nel caso sposino la bambina sfruttata.

La dichiarazione del gruppo parlamentare delle donne HDP recita come segue:
“Quando sono state fatte le discussioni sulla bozza della legge n. 438 nella Grande Assemblea Nazionale turca, quando le votazioni per l’approvazione stavano per finire, sei parlamentari del partito AKP al governo hanno proposto un emendamento all’articolo provvisorio. La proposta introduceva l’amnistia ai responsabili di casi di abusi su minori in caso sposassero i minori sfruttati. La mozione è stata accettata tra lo sbalordimento dell’opposizione. In effetti questo emendamento era premeditato, pianificato ben prima della mozione preparata dai sei deputati AKP. Il Ministro della Giustizia e il partito al governo sapevano della proposta. Il Ministro della Giustizia ha apertamente difeso la proposta all’Assemblea Generale, senza nascondere che era stata un’idea del suo partito. Per impedire reazioni, questa clausola non era stata inclusa nella bozza originale, ma è stata aggiunta come emendamento dell’ultimo momento per portare l’amnistia agli stupratori.

Oggi, si tenta di reintrodurre le leggi “sposa il tuo stupratore” del codice penale turco, che sono state modificate come risultato delle lunghe lotte del movimento delle donne e del movimento femminista. Inoltre ora sono i minori a essere oggetto di discriminazione!

Con una modifica della legge, chi sfrutta bambini eviterà la prigione se sposa le proprie vittime. Oggi non esitano a usare il Parlamento e la televisione per difendere e legittimare l’abuso su minori. Non lo permetteremo mai!

Non vogliamo nemmeno pensare a cosa succederebbe se l’intera bozza venisse accettata.
– Una persona che ha sfruttato un minore di 10 anni non verrà punita se il responsabile sposa la sua vittima quando il minore arriva all’età legale per il matrimonio. Non importa se il responsabile dell’abuso sia un minore o abbia 50 o 70 anni!

– I giudici potranno disporre che minori dell’età di 13 anni sono in grado di avere una relazione consensuale con stupratori di 50 anni. È vergognoso che si possa ricercare un consenso in relazioni del genere!

– Minori oggetto di abusi verranno messi sotto pressione per ottenere il consenso!

– Anche quelli che forniscono minori ai loro stupratori in cambio di denaro verranno perdonati. Difficoltà economiche sono le principali ragioni che sono alla base di matrimoni infantili. Dato che diventa legalmente e socialmente accettabile, famiglie economicamente svantaggiate ricorreranno con maggiore probabilità a far sposare le loro figlie in età precoce per una determinata somma di denaro!

– Dato che il matrimonio tra la vittima e lo stupratore sospenderà la perseguibilità legale dello stupro, le bambine vittime di abuso verranno minacciate per ottenere il consenso all’accordo matrimoniale!

Il matrimonio in età infantile è una vita di stupro perpetuo!

Secondo il Ministero Nazionale dell’Educazione, il 97.4% di alunni che non sono stati in grado di proseguire gli studi per matrimoni in età troppo giovane, sono di genere femminile. La maggior parte dei minori che vengono trascinati nel matrimonio precoce sono sistematicamente esposti a violenza fisica e psicologica da parte del coniuge e della sua famiglia per tutta la durata del matrimonio. La maggior parte di questi matrimoni avvengono tra una bambina minorenne e un uomo molto più grande. La maggior parte di queste bambine si sposano senza conoscere il sesso, vengono stuprate dalla persona con la quale vengono fatte sposare e affrontano una miriade di problemi di salute. La principale causa di morte nelle ragazze tra i 15 e i 19 anni sono la gravidanza e le complicazioni nel parto. Bambine del genere vengono isolate dal loro ambiente sociale e non vengono mandate a scuola e non gli viene nemmeno permesso di uscire di casa. Molte donne che si sposano in età infantile vivono rabbia e numerosi problemi psicologici nel corso degli anni.

Se la clausola provvisoria accettata dal Parlamento venisse promulgata e diventasse permanente, significherà solo questo: far uscire gli stupratori dal carcere e mettere in carcere a vita le vittime degli abusi insieme ai loro stupratori!

Il Ministro della Giustizia ha detto nell’Assemblea Generale che con questa legge 4,000 persone verranno messe in libertà. Vorremmo sapere quante di queste 4,000 persone che beneficeranno di questo provvedimento sono minori e quanti sono adulti? Questa “amnistia” porterà un gran numero di stupratori di minori fuori dalle carceri, proprio come nell’infame caso “Huseyin Uzmez”! Ci sono altri stupratori di minori “influenti” che vorreste “salvare” dalla pena?

Sfortunatamente non è un segreto che molti appartenenti all’AKP considerano legittimi gli abusi su minori. Mentre questa bozza veniva discussa, il deputato AKP Vahdettin İnce diceva a CNN Turk che bambine di 13 anni idonee per il matrimonio! La gravità della situazione diventa chiara considerando il fatto che le sentenze relative all’articolo 230 del codice penale turco che rendono perseguibile chi celebra matrimoni religiosi senza matrimonio civile, sono state cancellate dall’AYM (Corte Costituzionale della Turchia). Così il matrimonio non implica più alcuna punizione per il sequestro di minori.

Questo emendamento viola chiaramente la “Convenzione del Consiglio d’Europa sulla Protezione dei Minori contro lo Sfruttamento e l’Abuso Sessuale” e la “Convenzione di Istanbul”.

Non è possibile lasciare impuniti gli stupratori di minori con la motivazione di relazioni consensuali tra minori e matrimonio tra due minori. Non si può risolvere la vittimizzazione sposando le vittime minori ai loro stupratori, la stupro non può mai essere giustificato!
Lo Stato non deve far sposare le vittime di abuso, ma garantire libertà, istruzione e salute a tutte le bambine e tutti i bambini!
Lo Stato deve garantire che gli stupratori ricevano la pena che meritano!

Come gruppo parlamentare delle donne del Partito Democratico dei Popoli, non accetteremo mai questa proposta. In solidarietà con tutte le donne, noi resisteremo contro le vostre leggi dello stupro. Non legittimerete lo stupro!”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *