Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Il monosillabo del rifiuto

Una riforma opaca che serve al potere per avere più potere.

Li abbiamo visti all’opera. Conosciamo il metodo e il merito di ciò che fanno. Hanno fatto lo stesso con la scuola. L’hanno distrutta nel suo impianto comunitario, partecipativo e democratico, lasciandola in mano ai dirigenti dal potere discrezionale e sanzionatorio, riducendo al silenzio gli insegnanti che non contano più, che si sono visti sottrarre libertà di pensiero e d’insegnamento, che si sono fatti dividere dalle lenticchie del potere, che nella maggioranza dei casi sono diventati proni e disponibili ad ogni comando.

Esibiscono velocità e spocchia mentre occupano tutti gli spazi della comunicazione. Sostituiscono il dialogo e il confronto con il rumore della propaganda di Stato, agli argomenti preferiscono gli slogan. Parlano di rispetto mentre dileggiano gli interlocutori avversi, mentre infieriscono con la protervia dell’età sugli anziani. Parlano di semplificazione ed efficienza, mentre coltivano il mito del vincitore e del cambiamento come sinonimo di miglioramento, mentre depotenziano la democrazia che sarà d’investitura con il decisionismo dei capi, con il combinato disposto con la legge elettorale che aprirà al premierato e assicurerà ad un solo partito la maggioranza assoluta, con la clausola di supremazia statale, con la soppressione dei contrappesi istituzionali. Parlano di stabilità, in realtà vogliono eliminare le minoranze, le opposizioni interne ed esterne, le intelligenze critiche, non allineate. Parlano di riduzione dei costi della politica che piace sempre a tutti, peccato che hanno avuto la possibilità di ridursi gli stipendi e non l’hanno fatto, un risparmio che si quantifica più o meno nel costo di un caffè a testa. Parlano di procedure snelle, in realtà si moltiplicano fino a dieci i procedimenti legislativi.

15129565_1210424852385330_3136134550006229307_o

Una Costituzione nel segno del comando, autoritaria. Un furto di democrazia. Sovranità in dismissione. Il Senato resta. Solo che non saremo più noi a votarlo. Abuso di potere. Viene rotto il patto di convivenza con una riforma approvata da una minoranza trasformata in maggioranza da una legge incostituzionale. Una riforma ingannevole e divisiva espressione del governo e non del parlamento, passata con canguri, tagliole, ghigliottine e sedute fiume. Una riforma opaca e sospetta che serve al potere per avere più potere, per avere di fatto il regime di un solo partito in un paese a pezzi, prospettiva allettante per i poteri forti. Banche e finanza votano sì mentre chiedono una riduzione dei diritti. Una Costituzione della disunità nazionale. La Costituzione degli oligarchi di Firenze. Niente a che fare con quanto affermava Umberto Terracini, tra i firmatari della Costituzione che ora si vuole cambiare:

«L’Assemblea ha pensato e redatto la Costituzione come un patto di amicizia e fraternità di tutto il popolo italiano, cui essa la affida perché se ne faccia custode severo e disciplinato realizzatore».

Parlamento obbediente, debole, ed esecutivo forte. Conteremo sempre di meno. Su ambiente, sanità, energia, infrastrutture strategiche, deciderà lo Stato. Cancellati di fatto i territori. Diventeremo irrilevanti mentre crescerà l’arbitrio del potere.

Sorgente: Il monosillabo del rifiuto – Comune-info

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *