Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Burocrazia e guerre di potere. Poveri medici di base –

Chiusi nei loro ambulatori o in giro per le visite a domicilio, i medici di famiglia sono decisamente una categoria silenziosa. E paziente. Se la devono vedere con le malattie – e a volte anche con i problemi sociali – dei loro assistiti, ma anche con montagne di moduli da riempire, guardati a vista dalle Asl che inflessibili li controllano sul numero di ricette o visite specialistiche che prescrivono. Non ultimo è arrivato il decreto appropriatezza del ministro Lorenzin che li ha fatti infuriare, perché limitando esami specifici, dicono, la prevenzione va a farsi benedire.

I medici di medicina generale, questa la dizione esatta, sono gli eredi del vecchio, ingiusto e insostenibile sistema delle mutue, spazzato via nel 1978 dalla riforma del Sistema sanitario nazionale. Non sono né liberi professionisti né dipendenti, sono convenzionati, e nel corso degli anni, come afferma lapidario Ivan Cavicchi, docente a Tor Vergata e esperto di politiche sanitarie, «hanno perso tutte le loro battaglie». Sono 45mila ma la loro voce non si sente.

Sorgente: Burocrazia e guerre di potere. Poveri medici di base – Left

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *