Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

il manifesto del 13.11.2016 e i primi articoli online

La protesta contro Trump si allarga in tutta l’America. Imponente corteo a New York. A Portland spari sulla folla: un ferito. In California la paura dei latinos minacciati di espulsione si riversa nelle strade e a Los Angeles incontra l’appoggio della Chiesa

Internazionale

America in marcia contro Trump. Spari a Portland

Marina Catucci

Decine di migliaia di persone sfilano contro l’elezione del tycoon. Corteo imponente a New York, tra la folla anche Micheal Moore

CALIFORNIA

Paura nei «barrios», gli ispanici scendono in piazza a Los Angeles

Luca Celada

Non si vedeva una manifestazione così dalle «gran marchas» di dieci anni fa per la riforma dell’immigrazione

Internazionale

I primi 100 giorni di Trump: ed è subito «establishment»

Simone Pieranni

Il presidente eletto si concentra su tasse e immigrazione coinvolgendo petrolieri e lobbisti

Sanders: «Triste ma non sorpreso»

Redazione

Commenti

La fine dell’illusione democratica

Fabrizio Tonello

Internazionale

Preoccupazione per le scelte Usa e per le lobby dei fossili nel negoziato

Marica Di Pierri

Aleppo assediata dalla propaganda dei due fronti

Chiara Cruciati

Damasco contrattacca e riprende i quartieri a ovest occupati a suon di missili e kamikaze dalle opposizioni. La Russia minaccia nuovi raid mentre arrivano le navi da guerra. A pagare sono i civili

Vignetta

Commenti

La rivalsa della supremazia maschilista

Guido Viale

Spiegare la vittoria di Trump o l’avanzata delle destre xenofobe solo come una scelta di classi e ceti «dimenticati» urta innanzitutto con il dato, appurato, che a votare per entrambi non sono solo né principalmente i poveri e i declassati; e che anzi, come nella più classica delle analisi sociali, le adesioni ai loro programmi o, meglio, ai loro slogan, cresce col crescere del reddito e della posizione sociale – non con quello dell’istruzione – anche se sono certamente molto ampie tra le persone, qui soprattutto maschi bianchi, che sono vittime della globalizzazione e che rischiano di restare vittime di questa loro forma di ribellione

Trump, giù le mani dal 1917!

Angelo D’Orsi

EFFETTO TRUMP

Salvini ci (ri)crede: «Pronto a guidare il centrodestra»

Riccardo Chiari

Il segretario del Carroccio in piazza a Firenze, insieme a Toti e a Giorgia Meloni: «Se al referendum vince il No si vota»

Politica

Cade il sindaco leghista Bitonci. Con lo sgambetto di Forza Italia

Ernesto Milanesi

Si dimettono 17 consiglieri su 32. L’ex primo cittadino: «Mi ripresenterò alle prossime elezioni, ma questa volta senza i traditori»

INFORMAZIONE

È sempre più «Tg Renzi». Lo dicono i dati dell’Agcom

Giandomenico Crapis

Sui telegiornali Rai il premier occupa il 24% del tempo di parola e il 36% del tempo di notizia. Quando Minzolini dirigeva il Tg1, Berlusconi non aveva così tanto tempo a disposizione

Sorgente: il manifesto del 13.11.2016 – il manifesto

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *