Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Terrorismo – Riapre il Bataclan per ricordare le vittime e celebrare la vita | l’Unità TV

unita.tv – Riapre il Bataclan per ricordare le vittime e celebrare la vita. Un minuto di silenzio è stato rispettato ieri sera prima di Francia-Svezia. Domani, invece, sarà scoperta una lapide in memoria delle vittime.

Parigi un anno dopo. Nella capitale francese sarà un fine settimana del ricordo: un fine settimana che per i francesi è cominciato già oggi, giornata festiva visto che ricorre la firma dell’armistizio nella Prima guerra mondiale.

A un anno da quel 13 novembre del 2015 in cui un commando jihadista seminò il terrore nel cuore della Francia, e dell’Europa, lasciando dietro di sé 130 morti e circa 350 feriti, sarà la musica di Sting, con il concerto di riapertura del Bataclan di domani sera, ad avviare le commemorazioni.

Poi domenica 13 le cerimonie ufficiali. Obiettivo: celebrare la vita. Ma parola d’ordine sobrietà, come voluto dal Comune d’accordo con le associazioni per le vittime.

Domenica mattina il presidente francese francese François Hollande e la sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, sveleranno delle targhe con i nomi delle vittime in ciascuno dei luoghi dell’attacco; e le associazioni hanno organizzato diversi eventi: dai concerti, al lancio di lanterne, fino all’iniziativa serale ‘une fenetre une bougie’, che prevede di accendere una candela a ogni finestra.

E stasera ad inaugurare la riapertura un concerto di Sting. Lo hanno annunciato l’ex cantante dei Police e la società proprietaria del locale, Lagardère Unlimited Live Entertainment. 

“Più volte nella sua lunga storia, il Bataclan è dovuto rinascere e, in questo mese di novembre 2016, rinasce ancora”, afferma il locale. “Non bisognava immaginare che potesse morire. Non bisognava credere che ai 90 morti del 13 novembre si aggiungesse il nome di una sala che aveva attraversato 150 anni di storia. Non bisognava che al lutto – conclude il Bataclan – si aggiungesse la sconfitta”.

“Riaprendo il Bataclan abbiamo due cose importanti da fare: innanzitutto commemorare e onorare chi ha perso la vita nell’attacco di un anno fa, e in secondo luogo celebrare la vita e la musica che questa sala storica rappresentano”, ha affermato il cantante nel dare l’annuncio, aggiungendo che la sua speranza è di “rispettare la memoria ma anche il gusto della vita di chi è morto”.

E per commemorare e onorare l’artista ha anche deciso di devolvere i ricavi del concerto a due ong che si occupano di aiutare le vittime degli attacchi di Parigi, ‘Life for Paris’ e ’13 Novembre: Fraternité et vérité’. La band che accompagnerà Sting è composta da tre membri: Dominic Miller e Rufus Miller alle chitarre e Vinnie Colauita alla batteria, che suoneranno pezzi dall’ultimo album ‘*57th & 9th’.

Le stragi, rivendicate dai jihadisti dello Stato islamico, hanno provocato un inasprimento delle misure di sicurezza in Francia e segnato profondamente il Paese. Una settimana fa il procuratore capo belga ha dichiarato che l’attacco di Parigi, come quello successivo a Bruxelles furono determinati da “ordini partiti dagli alti comandi dell’ Isis”.

Le cellule jihadiste che hanno organizzato gli attacchi del 13 novembre 2015 a Parigi e del 22 marzo 2016 a Bruxelles hanno preso ordini da dirigenti di “primo piano” dello stato islamico, ha detto il procuratore federale belga Frederic Van Leeuw.

A un anno dagli attentati di Parigi, l’Isis sta perdendo terreno in Siria e Iraq ma resta ancora una grave minaccia per l’Occidente per la sua capacità di condurre attacchi su vasta scala come quelli che il 13 novembre 2015 fecero 130 morti nella capitale francese.

Mentre la Francia si prepara a ricordare il primo anniversario della strage, gli analisti sembrano tutti concordi. “E’ importante privare l’Isis delle roccaforti che consentono al gruppo di raccogliere fondi o addestrare combattenti. Ma infliggere una sconfitta militare” al califfato islamico “non sradicherà in ogni caso una minaccia duratura”, ha avvertito Anthony Cordesman, esperto del Centro di studi strategici e internazionali a Washington.

.

Massimo D’Antona: il valore rivoluzionario del riformismo – di walter veltroni

Sorgente: Terrorismo – Riapre il Bataclan per ricordare le vittime e celebrare la vita | l’Unità TV

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *