Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Scuola: Sui banchi un anno in meno Ecco come sarà il nuovo liceo – corriere.it

corriere.it – Scuola: Sui banchi un anno in meno. Ecco come sarà il nuovo liceo. La sperimentazione in 60 classi. «I programmi non saranno toccati». Il mondo della scuola ha però molti dubbi. I sindacati, Cgil in testa, lamentano la mancanza di discussione su un «tema delicato»   – di cvoltattorni@corriere.it

Mille ore in meno. Anche di più se si considerano il liceo classico o l’artistico. Ma i programmi non dovranno essere toccati. Ci saranno «flessibilità didattica e organizzativa» ma «tutte le discipline previste dall’indirizzo di studi di riferimento» andranno insegnate. In 4 anni.

La sperimentazione

Sarà una sperimentazione viene precisato, ma già dal prossimo anno gli studenti usciti dalle medie potranno iscriversi in tutta Italia a 60 prime classi di liceo o istituto tecnico che avranno un percorso di studi di 4 anni anziché 5.

I diplomati quindi usciranno da scuola a 18 anni, come i loro «colleghi» spagnoli, inglesi, francesi.

Non prima di aver fatto però gli ultimi due anni di alternanza scuola-lavoro (200 ore di stage in aziende e istituzioni pubbliche e private), aver studiato una materia in lingua straniera (la Clil), aver partecipato a progetti per «la valorizzazione delle eccellenze» (olimpiadi e certamina) e magari aver trascorso un periodo di studio all’estero.

 Il decreto

È tutto previsto in un decreto che la ministra dell’Istruzione Stefania Giannini sta per firmare e che prevede un bando rivolto a tutte le superiori — licei e istituti tecnici — statali e paritari d’Italia che dovranno presentare progetti di «innovazione metodologico-didattica» per far sì che gli studenti raggiungano «gli obiettivi specifici di apprendimento e competenze previsti per il quinto anno di corso entro il termine del quarto anno».

Come ridurre il programma di 5 anni a 4? Il decreto non lo dice. Saranno le scuole a stabilirlo proponendo la propria «ricetta» al Miur che selezionerà i progetti migliori.

I dubbi del sindacato

Le prime superiori in 4 anni sono partite nel 2013 in via sperimentale con l’ok dell’allora ministra Maria Chiara Carrozza che autorizzò 3 istituti paritari che chiesero l’anticipo. Oggi in tutta Italia sono 11, tra statali e paritarie.

Ma, spiegano al Miur, il bando per le nuove 60 classi intende essere una vera sperimentazione a livello nazionale per verificare se l’idea dei 4 anni possa funzionare o no e per trovare le «migliori pratiche» da prendere ad esempio, pur «mantenendo ore e risultati di qualità» con un «monitoraggio serrato» da parte di uffici scolastici regionali e ministero. Il mondo della scuola ha però molti dubbi.

I sindacati, Cgil in testa, lamentano la mancanza di discussione su un «tema delicato che in realtà — spiega Domenico Pantaleo — dovrebbe riguardare tutti i cicli di studio e non solo un segmento del sistema: non si capisce quale sia l’obiettivo finale e si rischia di creare un percorso elitario per pochi».

Le domande aperte

Molti gli interrogativi. Come comprimere un programma di studi pensato da sempre sui 5 anni senza perdere la qualità? L’obbligo scolastico resterebbe a 16 anni? E quante ore in più dovrebbero rimanere a scuola studenti e prof per compensare l’anno «perso»?

Prova a rispondere Salvatore Giuliano, preside dell’Itis Majorana di Brindisi che dal 2013 sperimenta il liceo scientifico in 4 anni: nel 2018, 26 studenti faranno la maturità. «Si lavora in modo diverso — spiega —, si cambia il metodo, bisogna innovare e sfruttare le nuove tecnologie: si lavora tutti diversamente, studenti e docenti, e i risultati ci sono».

Orario più lungo, sabato a scuola, classi capovolte, lezioni flessibili, laboratori, uso intelligente della tecnologia: «Ma il liceo di 4 anni è un punto di arrivo — avverte Giuliano —: non si può immaginare una rivoluzione simile senza che la scuola sia pronta e non abbia già attivato metodi innovativi, non ci si improvvisa dall’oggi al domani, il Miur ne tenga conto».

.

Studentesse morte sul bus Erasmus: «Nessun colpevole»

Cartelle, rottamazione estesa al 2016: più tempo per pagare

Su Charlie Hebdo, Obama inseguito da agenti bianchi

Donald eletto, i siti stranieri

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *