Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

INTERVISTA A GINA MILLER. Gina Miller Fund manager Scm Direct: «Così ho distrutto Brexit, ecco i pericoli per i mercati»   – ilsole24ore

ilsole24ore.com – Intervista a Gina Miller. Gina Miller Fund manager Scm Direct: «Così ho distrutto Brexit, ecco i pericoli per i mercati»    –di

«Mi chiede che cosa succederà nei prossimi mesi? Credo che si andrà verso le elezioni anticipate, quasi sicuramente la prossima primavera» . Non ha dubbi Gina Miller la fund manager che gestisce insieme al marito la società finanziaria Scm Direct, promotrice insieme al parrucchiere brasiliano Deir dos Santos del ricorso all’Alta Corte inglese, sfidando il governo di Theresa May, con l’intento di imporre un voto del Parlamento prima dell’avvio dei negoziati con l’Unione Europea.

Il premier inglese si è appellato alla Corte Suprema nella speranza di modificare il corso degli eventi «ma la Corte rigetterà il ricorso perché il problema non è legale, è politico. Ci aspettiamo una decisione prima di Natale», ha aggiunto la manager, 51 anni, avvocato, la quale ieri si è presentata di fronte a decine di fund manager della City per spiegare i rischi della Brexit per i mercati finanziari.

In questa intervista al Sole 24 Ore, Gina Miller che oggi viaggia sotto scorta dopo le minacce ricevute nei giorni scorsi, ripercorre i motivi dell’azione legale avviata dopo il referendum del 23 giugno scorso.

Perché avete avviato questa azione legale? In che cosa consiste la mancanza di trasparenza che avete denunciato?
Sia chiaro, l’Alta Corte non si è espressa contro Brexit, ha rimesso nelle mani del Parlamento una decisione vitale per gli interessi nazionali di questo paese che dal giorno del referendum viaggia all’oscuro di tutto.

Guardi, da dieci anni insieme a mio marito mi occupo di trasparenza dei mercati finanziari e negli ultimi due anni abbiamo collaborato con la Commissione europea sul testo della Mifid II e su alcune direttive che riguardano i mercati finanziari. Io sono stata una sostenitrice del “Remain”. Prima del referendum mi sono resa conto che anche se quello fosse stato il risultato delle urne, qualcosa doveva cambiare perché i processi all’interno dell’Europa sono diventati poco efficienti.

La Gran Bretagna era in una posizione di forza per avviare questi cambiamenti. Purtroppo il messaggio che è passato durante la campagna elettorale è andato in un’altra direzione: tutti erano convinti che il risultato sarebbe stato diverso, nessuno aveva contemplato l’ipotesi di “Brexit”. E invece la realtà è stata diversa.

Ora che cosa succederà? Quali prevede potranno essere i prossimi scenari e le reazioni dei mercati?
I mercati hanno reagito positivamente alla decisione dell’Alta Corte ed è prevedibile che succederà la stessa cosa quando si esprimerà la Corte Suprema sul ricorso del governo: il consenso sta crescendo, altre aree del paese stanno sostenendo la nostra causa a cominciare dalla Scozia.

La realtà è che il governo non ha un piano preciso per uscire dall’Unione europea e a quel punto non avrà alternative che accettare il confronto e il voto del Parlamento. Abbiamo bisogno di vedere un piano, abbiamo bisogno di dati perché finora non abbiamo visto nulla, solo parole. Invocare l’articolo 50 senza avere un progetto è molto pericoloso. Che cosa succederà quando i singoli negoziati dovranno essere ratificati da tutti i 27 Stati dell’Unione? Nessuno lo sa.

Si stima per la City una riduzione del 20% del business se la Gran Bretagna uscirà dall’Unione europea. Che cosa succederà ai mercati finanziari se si andrà avanti con questa ipotesi?
La City rappresenta una grande risorsa per questo paese e per l’Unione Europea: il 20% dei lavoratori della City proviene dai 27 paesi dell’UE. C’è un patrimonio di conoscenza che non ha eguali. Il rischio è che si vada verso la frammentazione dei mercati, l’asset management ad esempio potrebbe spostarsi in Lussemburgo, con una perdita di efficienza difficilmente recuperabile.

 

 

Sorgente: Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *