Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Prima Pagina – Il Manifesto e i primi articoli online

Ultime ore della campagna presidenziale americana. Trump mobilita le milizie «contro i brogli», Hillary chiama a raccolta le rockstar. Restano le incognite sul voto di lavoratori e disoccupati bianchi arrabbiati con l’establishment e sui giovani e gli afroamericani a rischio astensione. Caccia agli stati in bilico decisivi per la vittoria finale

Politica

La Leopolda del Sì. Alle manganellate

Riccardo Chiari

Caricato il corteo della Firenze del No, mentre a chilometri di distanza la kermesse prosegue stancamente, nonostante i tentativi di Renzi, Boschi e Nardella di spararle sempre più grosse in vista del referendum costituzionale.

Italicum, Cuperlo firma una promessa

Pd

Anche l’esponente della minoranza approva il documento, assai generico, che rinvia ogni impegno concreto a dopo il referendum. E si dispone a votare sì il 4 dicembre. Mentre i bersaniani non si smuovono dal No: “E’ solo una traccia ambigua e fumosa”

Internazionale

L’Isis prepara la difesa ad oltranza di Mosul

Michele Giorgio

Foto satellitari diffuse dalla società di intelligence Stratfor mostrano che gli uomini del califfato stanno fortificando il centro della città. Nelle ultime ore i jihadisti hanno lanciato il contrattacco contro le forze governative

Liberati i due tecnici italiani, dubbi sul riscatto

Chiara Cruciati

Cacace e Calonego, insieme al collega canadese, sono stati rilasciati: rapiti per errore, dicono alla Procura. A liberarli le forze del governo di unità, sempre più in difficoltà in un paese spaccato

Il pesante fardello di Hillary

Fabrizio Tonello

Nella migliore delle ipotesi, cioè una vittoria di misura su Trump, la presidenza Clinton si aprirebbe sotto il segno di un sistema politico che non regge più

Commenti

Trump è un azzardo, ma non l’ignoto

Guido Moltedo

Trump ha finito per essere visto come il paladino della riscossa contro lo status quo. Un voto per lui sarà un azzardo. Per Hillary una certezza, la certezza del ripetersi del già noto

Elezioni Usa: Neodestra, nascita di una fazione

Luca Celada

La parabola del trumpismo, da Ronad a Donald, iniziando da Goldwater e Nixon passando per McCarthy, Gingrich, Buchanan… La traiettoria delle «brigate del rancore» create per ottenere il «governo minimo», cresciute come massa d’urto e ora sfuggite al controllo del partito repubblicano. Anzi, al controllo di chiunque

Editoriale

I lavoratori americani dimenticati dai democratici

Alessandro Portelli

Il partito democratico ha smesso da molto tempo di considerare i lavoratori la propria base elettorale, e ha contribuito a rendere più deboli e subalterne le loro organizzazioni. Barack Obama aveva promesso di eliminare alcune delle strettoie burocratiche che ostacolano la libera scelta di iscriversi al sindacato, ma una volta eletto se ne è dimenticato. In altre parole – e lo ha scritto molto bene in un libro recente Thomas Frank – se tanta parte della classe operaia è finita in braccio prima a Reagan e poi a Trump è anche perché quelli che erano i loro referenti storici ce l’hanno buttata

Internazionale

Sanderistas: un «benefico virus» socialista negli Usa

Simone Pieranni

Bernie Sanders ha saputo ritagliarsi uno spazio nella politica americana attraverso la sua capacità di parlare ai lavoratori, ai «millennials» e alle minoranze etniche. Un programma radicale gestito mediaticamente da Occupy Wall Street la cui scommessa è quella di «infettare» l’eventuale linea di una futura presidenza democratica

Note anarchiche di un ascetico giullare della parola

Massimiliano De Villa

Datato 1927 e ripoposto oggi da Mimesis, «Fuga dal tempo», ovvero il diario Dada di Hugo Ball, lascia convivere senza stridore il socialismo libertario, l’idea anarco-rivoluzionaria, la mistica bizantina

Il soffio di Denis Johnson sul fuoco del potere

Luca Briasco

Una storia di spie, di savane, di disperazioni, ambientata a Freetown e portata a quella evidenza sensoriale ricorrente nello scrittore americano: «I mostri che ridono» da Einaudi

Dai diari di un Narciso in adorazione del Führer

Lutz Klinkhammer

La monumentale biografia dedicata da Peter Longerich al ministro della propaganda del Terzo Reich, e tradotta da Einaudi, mostra i limiti di un orientamento storiografico basato sui diari e con pochi riferimenti alle ricerche esistenti. Molti, in compenso, i dettagli intimi rivelati

Moore, un baldanzoso nella Parigi impressionista

Giorgio Villani

Uscite nel 1888, le «Confessioni di un giovane» di George Moore sono un elettrico tributo all’Ottocento, ma la loro natura saggistico-narrativa ne fa un anticipo di scritture moderniste

Fare bolle con Paolo Venini

Maurizio Giufrè

Intorno alla fornace nuranese, una saga aziendale fatta di artisti, maestri vetrai e abili amministratori

Un meraviglioso Novelli a Frieze Master

Claudio Gulli

Frieze Master a Londra, uno degli appuntamenti più pregevoli del mercato dell’arte, dà l’opportunità di conoscere un capolavoro dell’artista del Seicento siciliano Pietro Novelli

Sorgente: Prima Pagina – Il Manifesto | Giornalone

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *