Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

ULTIM’ORA – SARDEGNA, ESCLUSA DAL SENATO

Se dovesse passare la vergognosa riforma la Sardegna sarebbe esclusa dal Senato perchè nello Statuto è prevista l’incompatibilità tra consiglieri regionali e parlamentari.Le ammissioni di questa sera al Senato da parte della relatrice del provvedimento Finocchiaro sono la conferma di quanto sostengo da tempo e aggravano drammaticamente l’applicazione della norma.E’ evidente che l’adeguamento obbligatorio dello statuto farà scattare tutte le altre clausole, dalla finanza locale alle competenze sottratte alla Regione.Tutto questo rende ancora più incostituzionale la riforma considerato che non sarà possibile avere organi legislativi al completo per anni, considerato che l’adeguamento costituzionale degli Statuti avrà bisogno di tempi lunghissimi e quindi per anni la Sardegna e le altre regioni a statuto speciale resteranno fuori dal Senato.Questo renderà l’organo incompleto e come tale nemmeno convocabile!Si tratta di un fatto di una gravità inusitata perchè di fatto escluderà le regioni speciali dal senato rendendo incostituzionale la seconda camera.E quando, se verrà modificato lo statuto per rendere compatibili le due cariche, scatterà l’adeguamento generale che cancellerà per sempre la specialità della Sardegna.Per questo motivo non si può stare a guardare!Mattarella deve bloccare questa riforma incostituzionale che provocherà un golpe vero e proprio nelle massime assemblee”!Lo ha dichiarato poco fa il deputato di Unidos Mauro Pili dopo le dichiarazioni della relatrice della Riforma Finocchiaro che ha ammesso che servirà una legge costituzionale per consentire alla Sardegna di essere rappresentata.Domani venerdì 4 novembre alle 11.00 al T hotel, in via dei Giudicati, a Cagliari, il deputato di Unidos illustrerà in una conferenza stampa i dettagli della gravissima situazione che si è venuta a creare.

Sorgente: ULTIM’ORA – SARDEGNA, ESCLUSA DAL SENATO

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *