Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

“Funzionari di Gheddafi inocularono l’Aids a bambini dell’ospedale di Bengasi”

Parigi, 4 nov. (askanews) – Due ex dignitari del regime di Gheddafi avrebbero inoculato il virus dell’Aids ai bambini all’ospedale di Bengasi: è quanto appare da un diario di un ex capo del governo libico oggi in mano agli inquirenti francesi. La notizia emerge dieci anni dopo la liberazione delle infermiere bulgare che furono a torto accusate di questa contaminazione. Shoukri Ghanem, capo del governo di Gheddafi dal 2003 al 2006 poi ministro del Petrolio, ritorna in questo scritto scoperto dopo la sua morte nel 2012 sul caso delle cinque infermiere bulgare e del medico palestinese arrestati dal 1999 al 2007 e liberati grazie ad una campagna della Francia.In questo diario, Shoukri Ghanem racconta di aver ricevuto nel 2007 la visita di Mohamed El Khaddar, membro della commissione di inchiesta creata in Libia sulla liberazione delle infermiere, secondo le note riportate oggi dal sito francese Mediapart. Secondo quest’interlocutore, in occasione di un interrogatorio davanti a questa commissione, Abdallah Senoussi, capo dell’intelligence militare, avrebbe raccontato che si era procurato con Moussa Koussa, numero uno dei servizi speciali libici, delle “fiale di virus contagioso”: quattro per Senoussi e 27 per Koussa.”Tutti e due avevano iniettato il virus ai bambini. I 232 bambini non erano di Bengasi ma erano stati trasferiti dall’ospedale di Tajourah” (nei pressi di Tripoli), secondo le dichiarazioni riportate dal membro di questa commissione a Shoukri Ghanem. L’obiettivo avrebbe potuto essere quello di una vendetta verso Bengasi, città dell’Est della Libia ribelle al regime di Muammar Gheddafi, o di far passare questo Paese perseguitato per atti di terrorismo per una vittima. (con fonte Afp) Ihr/Int2

Sorgente: “Funzionari di Gheddafi inocularono l’Aids a bambini dell’ospedale di Bengasi”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *