Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Amico di Assange rivela la “gola profonda” di WikiLeaks su email staff di Hillary Clinton – it.sputniknews

it.sputniknews.com – Amico di Assange rivela la “gola profonda” di WikiLeaks su email staff di Hillary Clinton

Una fonte nella stanza dei bottoni a Washington è responsabile di aver fornito la corrispondenza elettronica di John Podesta, il direttore della campagna elettorale di Hillary Clinton del Partito Democratico, la Russia non c’entra nulla.

Lo ha detto in un’intervista con Sputnik Craig Murray, ex ambasciatore britannico in Uzbekistan e rappresentante del Partito Nazionale di Scozia e amico molto vicino del fondatore di WikiLeaks Julian Assange. “La fonte che ha rivelato queste mail non ha alcun legame con la Russia.

Sono venuto a conoscenza dell’identità di questa persona quando ero a Washington un paio di mesi fa ed avevo presieduto la giuria per il premio intitolato Sam Adams assegnato agli informatori”, — ha dichiarato Murray. “La gola profonda che ha rivelato queste mail frequenta i circoli di potere a Washington.
Se volete sapere di chi si tratta, andate a cercarla lì, ma non in Russia”, — ha aggiunto. Ai primi di ottobre durante una videoconferenza con Berlino Assange aveva promesso entro la fine dell’anno di pubblicare “informazioni sensibili” sui governi di 3 Paesi e sulle elezioni americane.
Martedì ha pubblicato la 25esima parte della corrispondenza riservata di Podesta. Questa estate si è saputo della violazione degli hacker del sistema informatico del Partito Democratico degli Stati Uniti.
La presidente della direzione dei Democratici Debbie Wasserman Schultz si è dimessa dopo le rivelazioni di WikiLeaks sui dettagli scandalosi della corrispondenza dell’apparato del partito; era stato sostenuto che i dati erano stati trasferiti dall’hacker con il nickname Guccifer 2.0. I pirati informatici erano riusciti a penetrare nei sistemi delle organizzazioni del Partito Democratico responsabili per le elezioni e le primarie.
Wikileaks: senatore chiede a John Podesta di evitare la presidenza di Trump
E’ stato inoltre riferito che gli hacker sarebbero entrati in possesso dei dati del passaporto della first lady Michelle Obama.
I rappresentanti del Partito Democratico e della Clinton hanno denunciato il coinvolgimento in questi attacchi della Russia, che aveva l’obiettivo di influenzare i risultati delle elezioni presidenziali.
Tuttavia le accuse non sono state supportate da nessuna prova oggettiva. Il presidente russo Vladimir Putin, parlando delle accuse contro Mosca sugli attacchi hacker, ha affermato che i dati pubblicati non giovano gli interessi della Russia e l’isteria attorno a questa vicenda serve a distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dal loro contenuto.
Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *