Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Referendum, il “No” si prende i T-Days – Repubblica.it

Bologna, ieri in zona pedonale volantinaggi, musica e il comizio di Landini

Un pomeriggio in piazza per il No alla riforma costituzionale, tra la musica della Fev Rockband e il comizio di Maurizio Landini. Ieri tra piazza Nettuno e via Rizzoli è stato allestito un palco con lo striscione “Salviamo la Costituzione”, mentre nei gazebo dell’Anpi, della Fiom e del comitato per l’acqua pubblica per tutto il pomeriggio sono stati distribuiti volantini e informazioni sulla riforma costituzionale.

Gli attivisti per il No al voto del 4 dicembre hanno “intercettato” per il volantinaggio il passeggio dei T-Days  e alla fine la piazza si è riempita per ascoltare gli interventi dei relatori, a partire da Landini, che aveva già tenuto a battesimo la primavera scorsa la campagna per il No in piazza Santo Stefano. «Noi abbiamo la forza della nostra militanza, non abbiamo le televisioni – ha detto Landini dal palco ieri poco prima delle 19 – ognuno faccia la sua parte per convincere la gente ad andare a votare No. E sono convinto che il 5 dicembre ci ritroveremo di nuovo qui a festeggiare, perché non ci sono solo i sondaggi, ma è l’aria che tira che me lo dice».

Landini ha citato anche l’intervento del politologo Gianfranco Pasquino, molto attivo in queste settimane nella diffusione delle ragioni del No, ricordando che per questa consultazione «non è previsto il quorum». «Chi porta alle urne un voto in più

Ha vinto – ha detto il leader della Fiom – e io dico che quelli che vogliono cambiare il Paese siamo noi, non Renzi. Perché in fondo, cosa avremmo da perdere? Abbiamo solo da riconquistarci l’unità che abbiamo perso, perché la loro forza è stata finora quella di dividerci».

Durante il pomeriggio dal palco c’è stato anche un collegamento con le zone terremotate, un’emergenza che ricorda quanto accaduto in Emilia nel 2012.

Sorgente: Referendum, il “No” si prende i T-Days – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *