Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Equitalia nel mirino, buste con polvere sospetta in tutto il Nord Ovest: 10 in ospedale per accertamenti

Involucri a Torino, Milano, Bologna, Aosta, Biella e nel Cuneese. Vigili del fuoco e artificieri in azione, mistero sugli autori del gesto

Equitalia nel mirino in tutto il Nordovest: buste con polvere sospetta sono state recapitate a Torino, Milano, Bologna, Aosta, Biella e nel Cuneese. Nella sede di Torino, in via Santa Maria 9, è intervenuta la Digos ed è stata avviata la procedura di emergenza per isolare l’edificio e le persone che sono entrate in contatto con la lettera che, spiegano gli inquirenti, conteneva una polverina gialla e un foglio in formato A4 con “frasi farneticanti” e insulti contro l’agenzia di riscossione che ora il governo vuole “rottamare”. Sono intervenuti i vigili del fuoco e anche gli artificieri: passando la lettera allo scanner è stato evidenziato che si tratterebbe di materiale organico. La busta recapitata a Torino è stata spedita da Verona. All’apparenza non c’erano elementi di sospetto, visto che la missiva era regolarmente affrancata ed era anche indicato come mittente uno studio professionale. Ma quando l’addetto alla vigilanza l’ha presa per metterla in una busta trasparente è uscita un po’ di polvere giallastra ed è scattato l’allarme. Assieme alla guardia privata sono stati messi in quarantena anche tre impiegati dell’ufficio smistamento posta, che rimarranno in isolamento fino a quando le analisi dell’Istituto Zooprofilattico non riveleranno di che sostanza si tratti.

Altri involucri sono stati inviati anche ad Aosta, Biella,  Saluzzo e Cuneo, dove è intervenuto il nucleo chimico-batteriologico dei vigili del fuoco: nell’involucro è stata trovata una polvere di colore marroncino. Ad Aosta, la busta con la polvere sospetta è arrrivata stamattina alla sede aostana di Equitalia, in via Federico Chabod. Ad accorgersene è stato il personale della filiale. Sul posto stanno operando i vigili del fuoco e i carabinieri. Mistero sugli autori del gesto. Sono 10 le persone che sono state condotte al pronto soccorso dell’ospedale Parini “a scopo precauzionale” dopo il ritrovamento della busta: si tratta dei due addetti che hanno maneggiato l’involucro, portati in ospedale per una presunta intossicazione a causa della sostanza che hanno maneggiato, e di altre otto persone che erano nell’ufficio e che, secondo quanto riferito da fonti sanitarie, sono tutte “asintomatiche”.
Qualche ora prima la stessa cosa era accaduta a Biella dove la sede di via Addis Abeba è stata chiusa per sicurezza. In questo caso nessun dipendente sembra aver lamentato problemi, ma tutti sono stati chiusi in una stanza mentre la lettera è stata presa in consegna dalle forze dell’ordine. Anche il centro di smistamento delle Poste di Biella è stato chiuso per verificare la presenza di altre lettere con polvere tossica.

Sorgente: Equitalia nel mirino, buste con polvere sospetta in tutto il Nord Ovest: 10 in ospedale per accertamenti – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *